Spid reddito di cittadinanza: come richiederlo, ottenerlo e fare la domanda

Spid reddito di cittadinanza – Lo Spid è il Sistema pubblico di identità digitale del cittadino, per accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione. Il codice Spid, sarà l’unica chiave per richiedere il reddito di cittadinanza e la pensione di cittadinanza, sul sito ufficiale del Ministero del lavoro.

Spid reddito di cittadinanza: documenti necessari

Per richiedere le credenziali Spid, devi essere maggiorenne ed avere i seguenti documenti se sei residente in Italia:

  • documento d’identità in corso di validità (carta d’identità, passaporto ordinario, patente di guida e per gli stranieri, regolare permesso di soggiorno non scaduto);
  • tessera sanitaria, dove è indicato il codice fiscale;
  • un numero di cellulare personale;
  • un indirizzo di posta elettronica (gmail, libero, virgilio, hotmail).

Se non sei residente in Italia, devi essere in possesso dei seguenti documenti per richiedere lo SPID:

  • codice fiscale;
  • documento d’identità in corso di validità;
  • numero di cellulare che usi frequentemente;
  • un account di posta elettronica

Come si richiede lo SPID per la domanda reddito di cittadinanza?

Per ottenere lo SPID, devi registrarti (inserendo i tuoi dati anagrafici), creare le tue credenziali ed effettuare il riconoscimento ai seguenti Identity Provider:

  • SPID Italia (a pagamento)
  • Infocert (a pagamento)
  • Aruba.it (a pagamento)
  • Namirial (attivo a fine luglio 2017)
  • Poste Italiane (gratuito)
  • Lepida (a pagamento)

Un sistema assolutamente GRATIS per ottenere le credenziali SPID, è quello fornito da Poste Italiane, grazie alle collocazione territoriale presso ogni Comune.

SPID reddito di cittadinanza con Poste Italiane

Per richiedere lo SPID con poste italiane, accedi a “Poste ID abilitato a SPID“. Clicca su Registrati subito per creare la tua identità digitale SPID:

Spid Rdc con Poste Italiane

Spid Rdc con Poste Italiane

Indica la modalità di identificazione, tieni a portata di mano i documenti elencati e clicca su prosegui:

Spid reddito di cittadinanza con Poste

Spid reddito di cittadinanza con Poste

Una volta completata la fase di registrazione (allegando il documento d’identità non scaduto fronte-retro), dovrai presentarti (entro 30 giorni) con i tuoi documenti d’identità, la tessera sanitaria ed il tuo numero di cellulare, all’ufficio postale del tuo Comune, se hai scelto il riconoscimento di persona. Dopo esserti recato alla posta, il provider ti invierà un sms con il codice di attivazione SPID 3. Ti consigliamo di salvare tutte le password inserite e ricevute, ed in particolare il codice PosteID alfanumerico di 6 caratteri ed i codici SPID2 e SPID3.

Potrebbe interessarti anche  Modello 730 anno 2019 novità principali detrazioni e deduzioni

In alternativa, puoi recarti direttamente alla posta per richiedere lo SPID. Il codice Spid ha tre livelli di sicurezza:

  • Spid 1: permette l’accesso ai servizi della Pubblica amministrazione solo con la password;
  • Spid 2: consente l’accesso ai servizi con la password e l’APP di PosteID;
  • lo SPID 3: permette l’accesso ai servizi con password, App PosteID ed il Pin del codice sicurezza Spid3.

In seguito scarica l’App di PosteID ed inserisci le credenziali richieste.

Spid: dove si usa?

Lo Spid sarà l’unico strumento per accedere ai servizi della pubblica amministrazione. Infatti con lo SPID è già possibile:

  • inviare dal domanda della cittadinanza italiana;
  • presentare la domanda reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza, direttamente sul sito www.redditodicittadinanza.gov.it;
  • utilizzare tutti i servizi dell’Inps e dell’Agenzia delle Entrate.

Lo SPID può essere richiesto da tutti i cittadini italiani o stranieri con permesso di soggiorno, residenti in Italia, di età maggiore o uguale ai 18 anni.

Per approfondimenti, ti consigliamo di consultare il sito istituzionale del governo: www.spid.gov.it.

Consulenza telefonica insindacabili.it

Per qualsiasi consulenza online previdenziale e fiscali, clicca sulla nostra area dedicata di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 6 Media: 3.7]

Seguici su Telegram

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

2 Comments

  1. Mi scusi, volevo sapere se effettuo una domanda rei nel mese di febbraio, ricevero il sussidio per 18 mesi o fino alla uscita del modulo reddito di cittadinanza? Grazie

    1. Stefano Mastrangelo 13 Febbraio 2019 at 18:48

      La domanda si potrà presentare dal 6 Marzo – https://insindacabili.it/reddito-di-cittadinanza-domande-dal-6-marzo-2019/
      Obiettivo di RdC è quello di offrirle al più presto un nuovo lavoro

      Saluti

Comments are closed.