Ape social Inps c’è la tredicesima nel 2019: spetta la gratifica natalizia a Dicembre 2019?

Spetta la tredicesima mensilità a Dicembre 2019, per i cittadini percettori di anticipo pensionistico denominato Ape social? A quali pensionati spetta la gratifica natalizia nell’anno 2019 e quali sono i requisti per ottenere l’Ape sociale sino a Dicembre 2019?

Ape social c’è la tredicesima nel 2019?

Spetta la tredicesima per l’anticipo pensionistico Ape social 2019? L’Ape sociale Inps è pagata dall’Inps per 12 mensilità, fino all’età di raggiungimento della pensione di vecchiaia o anticipata. Quindi non spetta la tredicesima mensilità a Dicembre 2019 e non valgono i suoi contributi come contribuzione figurativa. A differenza però delle altri anticipi pensionistici, ai percettori dell’Ape social, spetta il bonus Renzi di 960 euro annuali sull’assegno mensile o al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi, in caso di rimborso.

L’importo della rata mensile dell’Ape sociale Inps dipende:

  • dal calcolo dei contributi, (sistema retributivo o misto)
  • dai redditi ricevuti, durante l’intero periodo lavorativo sino al momento della domanda Ape.

Spetta un rata mensile massima di 1500 euro, l’assegno non è rivalutato annualmente e non è integrata al trattamento minimo.

Ape sociale requisiti 2019 Inps

Quali sono i requisiti per andare in pensione con l’Ape social Inps? Prima di tutto informiamo i nostri lettori, che anche per l’anno 2020 è stata prorogata la misura Ape sociale. L’Ape social o sociale è riconosciuta ai:

  • disoccupati, non percettori di indennità di disoccupazione Naspi da almeno tre mesi;
  • agli assistenti da almeno sei mesi, al momento della richiesta, del coniuge, dell’unito civilmente o di un parente di primo grado convivente (un figlio o un genitore) con handicap grave, come riportato dal verbale 104/92 (articolo 3, comma 3, legge 5 febbraio 1992, n. 104);
  • agli invalidi civili, con una percentuale di invalidità pari o superiore al 74%, accertata dalla commissione medica invalidi civili;
  • lavoratori dipendenti, che hanno svolto sei anni in via continuativa, un lavoro particolarmente difficoltoso o rischioso, come indicato nelle istruzioni dell’Inps: a chi è rivolo l’Ape sociale – Anticipo pensionistico,

con almeno 63 anni di età e 30 di contributi Inps. Per approfondimenti è importante leggere la nostra guida: Ape social 2019

Quanto dura l’Ape sociale Inps?

L’anticipo pensionistico Ape sociale Inps, è una misura sperimentale che dura sino al 31 Dicembre 2020. L’Ape sociale 2019 si ottiene presentando due domande:

  • la certificazione del diritto, da trasmettere telematicamente entro il 30 Novembre 2019;
  • la domanda di anticipo pensionistico Inps, da inviare entro il 31 Dicembre 2019 o nei termini previsti dalla lettera che certifica il diritto.

La domanda Ape sociale Inps può essere accettata se:

  • il richiedente cessa la prestazione lavorativa, sia di lavoro autonomo (imprese individuali), sia di lavoro parasubordinato (come i collaboratori a progetto) e subordinata (lavoratori dipendenti), svolta sia in Italia che all’Estero,
  • il beneficiario non percepisce l’indennizzo per la cessazione dell’attività delle imprese commerciali e qualsiasi prestazioni a sostegno del reddito dell’Inps.

Al contrario l’anticipo pensionistico Ape sociale è compatibile, anche dopo il pagamento dell’assegno pensionistico con:

  • l’attività di lavoro dipendente o parasubordinata, se i redditi non sono superiori a 8000,00 euro lordi annuali;
  • la prestazione di attività lavorativa autonoma, se non si supera un reddito lordo di 4800,00 euro in un anno.

Consulenza degli esperti di insindacabili.it

Per una consulenza personalizzata sull’Ape sociale Inps, accedi alla nostra area dedicata di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 0 Media: 0]

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui