Articolo aggiornato il 20 Marzo 2020 da Nicola Di Masi

Aumento Pensioni 2020: ultime notizie – Rivalutazione Pensione Aprile 2020

Buone notizie per i nostri amici pensionati! Dal mese di Aprile 2020 ci saranno delle rivalutazioni per alcuni assegni di Pensione Inps.
Vediamo insieme in quali casi e soprattutto, perché ci sarà questo aumento.

Rivalutazione delle Pensioni tra 3 e 4 volte il minimo da Aprile 2020

La legge di Bilancio del 2020 ha introdotto un nuovo meccanismo di rivalutazione automatica per i trattamenti pensionistici nel triennio 2019-2021, parzialmente diverso da quello che è stato applicato con la prima rata del mese di gennaio 2020.

Ad Aprile 2020 dunque, l’Inps pagherà ad oltre 2,8 milioni di pensionati e pensionate, la rivalutazione completa dei trattamenti pensionistici compresi fra 3 e 4 volte il trattamento minimo, ovvero per tutti gli assegni compresi tra 1.539 e 2.052 euro.

Che cos’è il trattamento minimo delle Pensioni Inps?

Chi ha un importo basso di pensione, ha diritto all’integrazione al trattamento minimo vitale, in relazione ai redditi individuali e complessivi con il coniuge. Il minimo vitale per l’anno 2020 è pari ad 515,07 euro ed è riconosciuto ai percettori di pensione di vecchiaia, anzianità, anticipata e pensione di reversibilità. Ad esempio una pensione di 450 euro, può essere integrata al trattamento minimo per l’anno 2020 solo se:

  • il pensionato ha un reddito annuale non superiore a 6695,91 euro, cioè all’importo del trattamento minimo;
  • solo se non supera un reddito annuo superiore a 6.695,91 euro e sino a 13391,82 euro. In questo caso l’integrazione è parziale.

Se il pensionato è coniugato, deve rispettare i seguenti limiti di reddito:

  • complessivo con il coniuge di 20.087,73 euro,
  • un reddito annuo complessivo proprio e del coniuge superiore a 20.087,73 euro ed entro 26.783,64 euro. In questo caso è parziale.

Per i redditi superiori, non spetta l’integrazione al trattamento minimo.

Aumenti delle Pensioni Inps 2020 ed arretrati

Saranno pagati anche gli arretrati non goduti da inizio 2020?
Si, l’Inps verserà anche gli arretrati maturati tra i mesi di Gennaio e Marzo 2020. Si stima che, l’aumento medio annuo, per gli assegni tra tre e quattro volte il minimo, sarà pari a 79 euro.

Leggi anche

La Consulenza Professionale online
Un Team di professionisti del settore seguirà con premura ed attenzione le tue richieste e le tue Pratiche.
Ecco alcuni dei nostri servizi dedicati:

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui