Articolo aggiornato il 23 Settembre 2019 da Nicola Di Masi

Blocco rivalutazione pensioni Giugno 2019: cifre ed esempi

L’art. 1 della legge di bilancio 2019, ha previsto un blocco della rivalutazione delle pensioni, a partire dal mese di Gennaio 2019. Infatti i pensionati con trattamenti pensionistici superiori a 3 volte il trattamento minimo (1522,26 euro), si sono visti a partire da Aprile 2019, un importo inferiore, rispetto alle mensilità precedenti. Vediamo insieme il taglio delle pensioni e quando sarà effettuato il conguaglio da Gennaio 2019 a Marzo 2019.

Taglio pensioni Inps: conguaglio a Giugno 2019

Il messaggio Inps n. 1926 del 20 Maggio 2019, ha previsto un doppio taglio delle pensioni a giugno 2019. Infatti i pensionati con un assegno pensionistico superiore a 100.000 euro annui ed i pensionati con un assegno mensile superiore a 1522,26 euro, riceveranno un taglio delle pensioni, in maniera differente.

Le pensioni da Gennaio 2019, sono state rivalutate del 1,1%, in base al decreto del 16 Novembre 2018 del Mef. Per questo i trattamenti pensionistici, dal 1° gennaio 2019, sono pari a:

  • 377,44, per chi percepisce l’assegno sociale (una misura di sostegno al reddito, per chi non ha un minimo contributivo per ottenere una pensione);
  • 513,01 euro, per chi riceve un trattamento minimo di pensione,
  • 285,66 euro, per chi percepisce l’assegno di invalidità civile.

Tutti coloro che ricevono mensilmente una pensione inferiore a 1522,26 euro, hanno avuto una rivalutazione piena (del 1,1%) del trattamento pensionistico.

Blocco rivalutazione pensioni Giugno 2019: a quanto ammonta?

La circolare Inps n. 44 del 22/03/2019, ha previsto una rivalutazione inferiore, per le pensioni superiori a 3 volte il trattamento minimo. Abbiamo detto che se un pensionato percepisce un trattamento minimo, inferiore a 1522,26 (507,42 * 3 = 1522,26), la rivalutazione del 1,1% sarà pari al 100%. In questo caso il pensionato con un trattamento minimo, percepirà da Gennaio 2019, una pensione pari a 513,01 (507,42*1,1% = 1522,26). Mentre:

  • per le pensioni superiori a 1522,26 e fino a 4 volte il trattamento minimo Inps (2029,68 euro), la rivalutazione della pensione non è del 1,1%, ma del 1,067%;
  • per le pensioni superiori a 4 volte il trattamento minimo (2029,68) e pari o inferiori a 5 volte il trattamento minimo (2537,10 euro), la rivalutazione è dello 0,847%;
  • per le pensioni superiori a 5 volte il trattamento minimo (2537,10 euro) e pari o inferiore a 6 volte il trattamento minimo Inps (3044,52 euro); in questo caso la rivalutazione è dello 0,572%.
  • per le pensioni superiori a 6 volte il trattamento minimo (3044,52 euro) e pari o inferiore a 8 volte il trattamento minimo Inps (4059,36 euro),la rivalutazione è dello 0,517%;
  • per le pensioni superiori a 8 volte il trattamento minimo (4059,36 euro) e pari o inferiore a 9 volte il trattamento minimo Inps (4566,78 euro), Il tasso di rivalutazione è pari a 0,495%;
  • infine, per le pensioni superiori a 9 volte (4569,28 euro) il trattamento minimo Inps, la rivalutazione è dello 0,44%.

Debito ricalcolo perequazione 2019: che cos’è?

Il cedolino della pensione di Giugno 2019, si può visualizzare già da qualche giorno, sul servizio online Inps: cedolino di pensione e servizi collegati. Già da Aprile 2019, i pensionati con un assegno mensile superiore a 1522,26, hanno visto una riduzione della pensione. Da Giugno 2019, i pensionati con un trattamento superiore a 3 volte il trattamento minimo (pari a 1522,26), avranno una decurtazione, a causa del conguaglio dell’Inps, per il periodo Gennaio – Marzo 2019.

Vediamo che nel prospetto di pensione seguente (pensione lorda 2.437,82 euro), il pensionato dovrà restituire 34,98 euro, come debito per il ricalcolo della perequazione 2019. Questo importo è dato dalla differenza della pensione rivalutata erroneamente al 1,1% da Gennaio 2019, rispetto a quella prevista dalla legge di bilancio 2019 (0,847% per le pensioni superiori a 2029,68 euro e pari o inferiori a 2537,10 euro), per tre mensilità, di Gennaio, Febbraio e Marzo 2019. Debito ricalcolo perequazione 2019

Debito ricalcolo perequazione 2019Quindi l’Inps, dal cedolino di Giugno 2019, recupererà gli importi corrisposti in più, da Gennaio a Marzo 2019, solo per i pensionati con assegno superiore a 1522,26 euro.

I nostri consulenti previdenziali sono a tua completa disposizione
– Per chiarimenti relativi alla rivalutazione della pensione da Gennaio 2019. Puoi usufruire, in qualsiasi momento, della nostra consulenza dedicata.
– Per altre problematiche previdenziali, puoi consultare la nostra area di consulenza online.

4 Commenti

  1. Io sono andato in pensione a dicembre 2018, a maggio mi hanno ricalcolato in modo definitivo la pensione e a giugno mi hanno trattenuto i soldi della legge di bilancio, ciò vuol dire che da luglio dovrei prendere la pensione completa senza più trattenute per perequazione.

    Grazie

    • Da Aprile sicuramente c’è stata una variazione della sua pensione di qualche euro. Quella è la pensione definitiva. Mentre a giugno hanno fatto il conguaglio dei primi tre mesi del 2019.

  2. <BUONGIORNO,
    <Nell'articolo di cui sopra c'è scritto che l'INPS recupererà gli importi corrisposti in più, da Gennaio a Marzo del 2019, ma per i restanti mesi MAGGIO, e GIUGNO cosa succede??

    Grazie per la risposta

    • Da Aprile gli importi lordi della pensione sono stati adeguati dalla rivalutazione stabilita dalla legge di Bilancio 2019.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui