Articolo aggiornato il 8 Ottobre 2022 da Stefano Mastrangelo

Tantum 150 euro pensionati e lavoratori: come funziona?

Bonus 150 euro pensionati e lavoratori: a chi spetta e come richiederlo? Il 23 settembre 2022 è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale, il decreto legge Aiuti ter dal Governo Draghi, che riconosce un ulteriore bonus di 150 euro.

Il nuovo bonus di 150 euro, sarà erogato nel mese di Novembre 2022, con differenti requisiti, rispetto al bonus di 200 euro. La nuova indennità spetta:

  • ai lavoratori dipendenti,
  • ai pensionati,
  • ai lavoratori autonomi ed ai professionisti iscritti alla gestione separata Inps (è già possibile inoltrare la domanda all’Inps)
  • ai disoccupati in Naspi o Dis-coll e percettori dell’indennità di disoccupazione agricola nell’anno in corso;
  • ai percettori del reddito di cittadinanza,
  • alle lavoratrici domestiche, colf e badanti;
  • ai lavoratori stagionali, agli incaricati alle vendite a domicilio, ai contratti intermittenti, ai lavoratori autonomi occasionali,
  • ai lavoratori a tempo determinato,
  • ai collaboratori coordinati e continuativi, agli assegnisti di ricerca ed ai dottorandi,
  • il bonus di 150 spetta anche ai collaboratori sportivi.

Bonus 150 euro pensionati: quando arriva?

Il decreto legge Aiuti ter, prevede una tantum di 150 euro per i pensionati che abbiano conseguito nell’anno 2021, un reddito imponibile inferiore a 20.000 euro. E’ esclusa, dal reddito da prendere in considerazione, la casa di abitazione e la pertinenza, l’eventuale trattamento di fine rapporto o di fine servizio e gli arretrati soggetti alla tassazione separata.

Il bonus sarà erogato automaticamente dall’Istituto previdenziale, senza fare nessuna domanda, sul cedolino di pensione del mese di novembre 2022, per coloro che hanno conseguito la pensione entro il 1° Ottobre 2022.

L’indennità, una tantum, di 150 euro spetta anche ai percettori delle pensioni di reversibilità o ai superstiti, agli invalidi civili parziali e totali ed ai titolari dell’indennità di accompagnamento.

Bonus 150 euro decreto aiuti Ter quando arriva in busta paga?

Il bonus di 150 sarà erogato anche ai lavoratori dipendenti, con un reddito inferiore a 20.000 euro. Per i lavoratori dipendenti, l’importo di 150 euro, verrà pagato nella busta paga di Novembre 2022, se non supereranno nella stessa busta paga, una retribuzione imponibile pari a 1.538 euro.

Per ottenere l’indennità, i lavoratori dipendenti del settore privato, dovranno presentare un’autodichiarazione al datore di lavoro, dichiarando eventuali incompatibilità. Il modello sarà predisposto dal Consulente del lavoro dell’azienda.

Il bonus non influisce e non fa reddito sia ai fini fiscali e sia per i contributi previdenziali ed assistenziali e si confermano le stesse incompatibilità previsti dal bonus di 200 euro.

Per tutte le altre categorie di lavoratori, tranni i disoccupati percettori di prestazioni a sostengo del reddito ed i beneficiari del reddito di cittadinanza, dovranno presentare una domanda telematica all’Inps.

Consulenza Online
Hai bisogno di una consulenza online dal Team di insindacabili? Visita adesso la nostra area dedicata.

Per tutti gli altri approfondimenti su fisco, previdenza ed immigrazione, leggi i nostri ultimi articoli su indindacabili.it:

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui