Articolo aggiornato il 30 Marzo 2020 da Nicola Di Masi

Voucher baby sitter Inps Covid 19: come funziona?

L’Inps con la Circolare Inps n. 44 del 24 Marzo 2020, ha chiarito i requisiti per richiedere il bonus di 600 euro e di 1000 per il personale sanitario, per l’assistenza e la sorveglianza dei minori. Un ulteriore messaggio dell’Inps, indicherà l’attivazione della procedura telematica per l’acquisizione delle domande.

Aggiornamento al 27 Marzo 2020: Le domande del bonus baby-sitting potranno essere presentate dal 1° Aprile 2020.

L’articolo 23 comma 8 del decreto legge n. 18/2020, denominato decreto Cura Italia, introduce un aiuto economico alle famiglie di 600 euro massimo per tutti i figli, in alternativa al congedo parente straordinario di 15 giorni, per l’assistenza e la sorveglianza ai figli minori, per i periodi di sospensione delle attività educative e di istruzione.

Come funziona bonus baby sitter decreto Salva Italia

Il bonus baby-sitter è riconosciuto alle famiglie con entrambi genitori lavoratori ed al genitore convivente con il minore (con età inferiore a 12 anni alla data del 5 Marzo 2020) o che non ci sia altro genitore:

  • beneficiario della disoccupazione naspi, della cassa integrazione ordinaria, dell’indennità di mobilità e di altre prestazioni a sostegno del reddito,
  • disoccupato e non lavoratore.

Il Bonus Covid 19 per l’assistenza ai minori spetta:

  • ai lavoratori dipendenti del settore privato
  • ai lavoratori dipendenti del settore pubblico, sanitario e privato convenzionato,
  • agli iscritti alla gestione separata Inps,
  • ai lavoratori autonomi artigiani e commercianti iscritti all’Inps,
  • ai lavoratori autonomi non iscritti all’Inps, solo con comunicazione della Cassa previdenza del numero dei beneficiari. Gli stessi potranno fare domanda anche senza tale preventiva comunicazione.

L’articolo 25 del decreto legge, ha garantito il bonus di baby-sitting di 1000 euro, per i lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alla categoria:

  • dei medici,
  • degli infermieri,
  • dei tecnici di laboratorio biomedico, dei tecnici di radiologia medica e degli operatori sociosanitari,
  • del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Anche in questo caso è previsto il bonus per l’accudimento dei figli, fino a 12 anni di età alla data del 5 Marzo 2020, in alternativa al bonus di congedo di quindici giorni.

Il bonus spetta anche nei casi di adozione, nazionale ed internazionale e sia nei casi di affidamento preadottivo, con sentenza o provvedimento del giudice, con ingresso in famiglia alla data del 5 Marzo 2020.

Come richiedere bonus baby sitter?

Per richiedere il bonus baby sitter, bisogna presentare una domanda telematica all’Inps, accedendo al servizio online Inps: Bonus servizi di baby sitting. L’istanza telematica può essere presentata tramite:

  1. le credenziali Inps in possesso: Pin Inps dispositivo, Spid, carta nazionale dei servizi, Carta di identità elettronica,
  2. con il contact center Inps, chiamando il numero 803164 da telefono fisso e il numero verde 06164164 da rete mobile,
  3. tramite il supporto dei patronati.

Il bonus baby-sitting è compatibile:

  1. con i giorni di permesso della 104 (6+12 marzo e aprile),
  2. con il congedo parentale per i solo figli con disabilità grave, anche con un’età superiore a 12 anni.

La domanda per richiedere i voucher baby-sitter è possibile farla anche attraverso i primi 8 caratteri ricevuti al momento della richiesta del Pin Inps online. Mentre per registrarsi il datore di lavoro ed il lavoratore devono essere in possesso del codice Pin Inps dispositivo.

Pagamento bonus Covid 19

Il genitore richiedente ed il lavoratore, per corrispondere e ricevere il voucher baby-sitting di 600 e 1000 euro, devono registrarsi sulla piattaforma delle prestazioni occasionali. I datori di lavoro si devono registrarsi nella sezione libretto famiglia, indicando le informazioni necessarie per la gestione del rapporto di lavoro. Mentre i lavoratori, devono iscriversi nella sezione prestatori di lavoro ed indicare correttamente le modalità di pagamento.

Prestazioni occasionali Inps
Prestazioni occasionali Inps

Dopo l’approvazione della pratica nel servizio online Bonus servizi baby-sitting, il genitore dovrà procedere, entro e non oltre 15 giorni, all’appropriazione telematica del bonus per l’acquisto dei servizi baby-sitting, attraverso il servizio online Libretto di famiglia.

In seguito all’appropriazione, il genitore visualizzerà il portafoglio elettronico per:

  1. comunicare i giorni e le ore di prestazioni svolte, dopo lo svolgimento dell’attività, entro massimo il 31 Dicembre 2020,
  2. pagare le prestazioni del lavoratore, richiedendo il Bonus Covid 19.

Il pagamento avverrà entro il giorno 15 del mese successivo, per le prestazioni inserite entro il 3 del mese successivo a quello in cui sono svolte le prestazioni occasionali. Il lavoratore percepirà questa somma sulla modalità di pagamento indicata al momento della registrazione.

Il valore di un’ora è pari a 10 euro lorde.

Il lavoratore occasionale pagato con il libretto di famiglia, potrà essere anche la persona, con il quale il genitore, ha già in corso un rapporto di lavoro subordinato (dipendente) o abbia cessato da meno di 6 mesi un contratto di lavoro. In questo caso saranno corrisposte le ore aggiuntive di prestazione, svolte dallo stesso lavoratore.

Consulenza Professionale Online
Se hai bisogno di una consulenza personalizzata sul Bonus Covid 19, puoi visitare la nostra area dedicata di consulenza online.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui