Bonus acqua o idrico 2017 per risparmiare sulla bolletta della Tua utenza

I nuclei familiari o cittadini titolari sia di utenze singole che di utenze condominiali possono richiedere il bonus idrico 2017 (riferente all’anno 2016) in relazione alle scadenze della propria Regione o Comune di residenza. Ad esempio in Puglia la domanda di accesso al bonus idrico parte dal primo settembre 2017 e scade il 31 dicembre 2017. Oltre tale termine le domande non potranno essere più accolte.

L’importante è tenere sott’occhio le scadenze del bonus Idrico del proprio Comune di residenza o della propria Regione. Ad esempio in Puglia il bonus idrico è gestito direttamente dall’ Acquedotto Pugliese Spa mentre nei Comuni della Città Metropolitana di Milano è concesso dal GRUPPO CAP.

Quali sono i requisiti per accedere al bonus idrico?

Vediamo insieme i requisiti per accedere al bonus idrico della Regione Puglia. Per accedere al bonus acqua Pugliese sono indispensabili questi requisiti:

  • cittadino residente nei Comuni della Regione  Puglia;
  • essere utente dell’Acquedotto Pugliese fino al giorno prima della scadenza dei termini per fare la richiesta agevolazione;
  • aver beneficiato del bonus elettrico con data inizio dell’agevolazione ricadente nell’anno 2016 nel caso di richiesta per disagio economico;
  • aver beneficiato del bonus elettrico sempre per utenza domestica elettrica nella regione Puglia, con almeno un giorno di agevolazione nell’anno 2015 nel caso di domanda per disagio fisico;
  • essere direttamente  intestatario di una fornitura idrica dell’Acquedotto pugliese ad uso abitativo domestico di residenza oppure risiedere in un condominio che è intestatario di un contratto idrico a uso abitativo domestico;
  • avere la fornitura idrica attiva al momento della presentazione dell’istanza e non morosa entro il 31 dicembre 2016;
  • possono accedere alla richiesta del bonus idrico anche i titolari di una carta acquisti attiva.

Per accedere al bonus idrico della città metropolitana di Milano è possibile consultare questo link: http://www.gruppocap.it/clienti/amiacque/servizio-clienti/bonus-idrico,  oppure è possibile consultare la pagina web dei servizi sociali del proprio Comune di residenza o rivolgersi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico. Questo vale anche per gli altri Comuni italiani.

 

Come fare domanda del bonus idrico per la famiglie bisognose in Puglia?

Gli aventi diritto potranno presentare la domanda di accesso al bonus idrico della Regione Puglia solo attraverso una delle seguenti modalità:

Potrebbe interessarti anche  Pagamento Bonus Renzi Novembre 2018

Prima di presentare la domanda è importante munirsi di:

  • codice POD della fornitura elettrica (tale dato lo trovi sulla fattura dell’energia elettrica);
  • data di nascita dell’intestatario della fornitura elettrica che ha goduto del bonus elettrico nel corso dell’anno 2016 e che è titolare di un contratto di utenza idrica ad uso domestico oppure l’intestatario residente in un condominio di un’utenza idrica ad uso domestico;
  • il numero del contratto idrico dell’ Acquedotto Pugliese;
  • il codice cliente dell’Acquedotto Pugliese.

Tali dati sono consultabili sulla fattura dell’Acquedotto.

Vediamo insieme il sito del bonus idrico Puglia. Per presentare la domanda clicca su www.bonusidrico.puglia.it/application/.

Inserisci il Tuo codice POD della fornitura elettrica senza le prime due lettere IT, la Tua data di nascita, il codice fiscale, il codice alfanumerico presente nell’immagine, clicca sul quadratino “Accetto le condizioni sopra esposte e clicca su Conferma. In seguito inserisci il codice del contratto ed il codice cliente e vai avanti con la procedura. Conferma il Tuo indirizzo o l’indirizzo del Tuo condominio e stampa il protocollo del bonus idrico Puglia 2017.

Qual è il beneficio economico del bonus idrico 2017 della Regione Puglia?

Ai beneficiari del bonus idrico Puglia verrà riconosciuto un bonus economico in relazione al valore ISEE:

  • con disagio economico ed un ISEE pari o inferiore a € 7.500 – CATEGORIA A  – verrà riconosciuto un bonus di 51,65 euro;
  • disagio economico ed un ISEE pari o inferiore a € 20.000 con almeno 4 figli a carico – CATEGORIA B – verrà riconosciuto un bonus di 163,10 euro;
  • Con disagio fisico  – CATEGORIA C  – verrà riconosciuto un bonus di 77,48 euro;

Dopo la verifica, sarà inviata una comunicazione postale al cittadino con indicazione del protocollo e dell’importo che sarà a scomputo della tua bolletta dell’acqua. E’ possibile riscontrare tale bonus con la voce “bonus sociale” sulla fattura dell’acqua. Nel caso di utenza idrica in un condominio, consegna la lettera all’amministratore del condominio e risparmierai l’importo erogato dall’Acquedotto Pugliese.

Per qualsiasi dubbi o perplessità, affidati a noi con una specifica consulenza personalizzata. Clicca sulla sezione dedicata consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 5]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento