Canone rai 2018: come presentare la dichiarazione sostitutiva di esenzione

L’ articolo 1, commi da 152 a 159, della legge n. 208 del 2015 ha cambiato dal 2016, il pagamento e la presunzione di possesso della televisione per il pagamento del canone Tv annuale. Infatti sono obbligati al pagamento del canone rai 2018 chiunque abbia un apparecchio televisivo e la presunzione di detenzione della tv, avviene nel momento in cui, esista un’utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui una persona ha la propria residenza anagrafica.

Come e quando si paga il canone rai?

Sempre dal 2016, il canone sulla televisione non si paga più con il bollettino postale entro il 31 gennaio di ogni anno, ma sulla bolletta della luce. Infatti i titolari di utenza elettrica per uso domestico residenziale, effettuano il pagamento del canone, mediante addebito nella fattura dell’utenza di energia elettrica.

Il canone di 90 euro annuali si paga con addebito sulle fatture elettriche in dieci rate mensili, da gennaio 2018 ad ottobre 2018. Se nessun componente familiare, dovuto al versamento del canone annuale, non è titolare di un’utenza elettrica uso domestico residenziale, può pagare il canone Tv con il modello F24, in un’unica soluzione entro il 31 gennaio 2018, in due rate semestrali ( 31 gennaio 2018 e 31 Luglio 2018) o in quattro rate trimestrali (31 gennaio 2018, 30 Aprile 2018, 31 Luglio 2018, 31 ottobre 2018). Per maggiori informazioni sulla modalità di pagamento con F24, è possibile consultare la pagina dell’Agenzia delle Entrate al seguente link.

Il canone può essere anche pagato con addebito diretto sulla pensione, con un reddito inferiore a 18.000,00 euro, attraverso una richiesta online all’Inps entro il 15 novembre dell’anno precedente (entro il 15 novembre 2017 per il canone Tv 2018).

Anche i residenti all’estero devono pagare il canone se detengono un’abitazione in Italia dove è presente un apparecchio televisivo.

Chi è esonerato dal pagamento del Canone Rai?

Per non pagare il canone rai 2018, devono compilare ogni anno, il modulo di esenzione canone rai 2018, in allegato, entro il 31 gennaio 2018.
Qualora si presenti la dichiarazione dal 1° febbraio 2018 al 30 giugno 2018, l’esonero è valido solo per il secondo semestre dell’anno 2018. 

Anche gli utenti che, pur essendo intestatari di una o più utenze elettriche residenziali, non siano tenuti al pagamento (poiché il canone è già dovuto per una fornitura intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica come nel caso di un’utenza intestata al marito e un’altra alla moglie) devono compilare il quadro B del modulo di dichiarazione sostitutiva pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate. In questo ultimo caso la dichiarazione è possibile presentarla in qualsiasi momento.

Potrebbe interessarti anche  Elenco Sedi Inps Roma: la sede inps di competenza territoriale

Il modulo di disdetta canone rai 2018 può essere presentato tramite:

  • il servizio online dell’Agenzia delle Entrate solo chi è in possesso del Pin di fisconline, al seguente link;
  • i Caf o gli intermediari abilitati;
  • raccomandata con ricevuta di ritorno, anche senza busta, all’ AGENZIA DELLE ENTRATE, UFFICIO DI TORINO 1, S.A.T. – SPORTELLO ABBONAMENTI TV – CASELLA POSTALE 22 – 10121 TORINO (TO) con allegato un documento di riconoscimento. Se la dichiarazione viene presentata dopo il 20 Dicembre dell’anno precedente, Ti consigliamo di controllare le prime bollette della luce per verificare se hai pagato una quota del canone rai. In questo caso chiederai il rimborso con il modello di rimborso canone rai predisposto dall’Agenzia delle Entrate.

L’esenzione del canone Rai per gli ultra 75enni

Sono esenti dal pagamento del canone rai 2018, tutti gli anziani over 75enni che hanno un reddito complessivo familiare (marito e moglie) non superiore a 516,00 euro mensili. (6713,98 euro annui al netto della rendita catastale sulla prima casa).
Il requisito è solo per i pensionati residenti soli, che non siano presenti altri familiari con reddito. La dichiarazione presentata, tramite il modello è valida anche per gli anni successivi, senza bisogno di ripeterla, se non cambiano le condizioni richieste»

Se erano esenti ed hanno pagato il canone Rai degli ultimi anni, possono richiedere il rimborso presentando un’apposita dichiarazione.

Consulenza Online

Hai bisogno di una consulenza online su questo tema? Visita subito la nostra area dedicata e scopri tutti i nostri servizi di consulenza!

Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 5]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento