Carta REI 2019: domanda sino al 28 Febbraio 2019

Entro il 28 febbraio 2019, è possibile presentare la domanda del Reddito di inclusione 2019, per chi ha rinnovato correttamente l’Isee 2019. Invece, dal 6 Marzo 2019, sarà solo possibile inviare la domanda online reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza. Vediamo insieme quali sono i requisiti per il REI 2019?

Carta Rei requisiti Inps

Secondo l’art. 13 del decreto legge reddito di cittadinanza, i percettori della carta REI, continueranno a ricevere le ricariche, (anche dei mesi arretrati) del Reddito di inclusione 2019, sino alla durata inizialmente prevista, se non inviano la domanda Reddito di cittadinanza dal sei marzo 2019. Per chi invece, trasmette la domanda online RDC 2019, le ricariche sulla Carta REI, avverranno sino al mese di Marzo 2019.

Per inviare la domanda REI 2019, sino al 28 Febbraio 2019, devi avere un Isee 2019 aggiornato senza errori o omissioni ed i seguenti requisiti familiari ed economici.

Carta rei 2019 requisiti familiari

Dal 1° giugno 2018 sono indispensabili i seguenti requisiti familiari del richiedente Carta REI 2019:

  • residenza effettiva e continuativa in Italia, da almeno 2 anni, al momento della presentazione della domanda rei.
  • cittadinanza Italiana, comunitaria e straniero familiare di cittadino italiano e comunitario, titolare di diritto di soggiorno permanente. Gli stranieri extracomunitari, hanno diritto al REI 2019, solo se sono titolari di un permesso di soggiorno di lungo periodo Ce (ex carta di soggiorno), permesso per protezione sussidiaria o per asilo politico.

Carta rei 2019 requisiti economici Inps

Per ricevere la Carta REI 2019, oltre ai requisiti di residenza e di cittadinanza, il nucleo familiare deve possedere i seguenti requisiti economi indicati sul modello Isee 2019:

  • un valore ISEE 2019 di importo inferiore o uguale a 6.000 euro,
  • un valore ISRE (valore ISR indicato sull’attestazione Isee 2019 diviso il parametro della scala di equivalenza ai fini del rei) inferiore o uguale a 3000 euro;
  • il valore del patrimonio immobiliare, escludendo la casa di abitazione, di importo pari o inferiore a 20.000 euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare di importo inferiore o uguale a: 6.000 euro per i nuclei composti da un solo componente familiare, 8000 euro per i nuclei composti da due componenti indicati sempre nel modello Isee e 10.000 euro per i nuclei composti da tre o più componenti.

A differenza del Reddito di cittadinanza, Il Reddito di inclusione 2019 non è compatibile e non spetta:

  • per chi percepisce la disoccupazione Naspi o qualsiasi ammortizzatore sociale da parte dell’Inps;
  • per chi è intestatario, a qualunque titolo, di autoveicoli, ovvero motoveicoli immatricolati la prima volta nei ventiquattro mesi antecedenti la richiesta, con esclusione degli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità.
  • è intestatario a qualunque titolo o ha anche la piena disponibilità di navi e imbarcazioni da diporto.
Potrebbe interessarti anche  Bonus bebè di Febbraio 2019: Isee inferiore cosa fare e quando arriva?

Carta rei modulo di domanda 2019

La domanda del Reddito di inclusione è possibile presentarla:

  • ai Caf convenzionati con il Comune di residenza,
  • all’ufficio dei servizi sociali del Comune di residenza del richiedente,
  • tramite la piattaforma telematica REI – RED, dei residenti nella Regione Puglia.

Il modulo REI 2019 (in allegato), deve essere presentato correttamente, dichiarando la situazione familiare ed economica al momento della presentazione della domanda. Insieme al modulo compilato e firmato correttamente, bisogna allegare:

  • il documento d’identità in corso di validità del richiedente;
  • l’attestazione Isee 2019 e la Dsu 2019;
  • l’autocertificazione dello stato di famiglia;
  • il modello Rei com, quando uno o più componenti familiari, hanno svolto una prestazione lavorativa dipendente ed autonoma dopo il 1° Gennaio 2017.

Dopo aver presentato la domanda Carta REI 2019, al Caf o ai servizi sociali del Comune, devi attendere una lettera di accoglimento o di reiezione da parte dell’Inps. In seguito, in caso di accoglimento, riceverai una lettera con il quale ti invitano a ritirare la carta REI all’ufficio postale di residenza. Per attivare la carta devi attendere il PIN della carta prepagata al tuo domicilio. La prima ricarica è già accreditata sulla carta Rei, in quanto il beneficio economico, decorre dal mese successivo dalla data di presentazione della domanda e sino alla durata prevista sulla lettera di accoglimento.

Con la Carta REI è possibile prelevare sino a 240 euro massimo mensili e pagare le utenze domestiche. Dall’importo mensile della carta REI, vengono sottratti tutti i bonus ricevuti dall’Inps ed i sostegni economici del Comune di residenza.

Carta REI 2019 importi

Gli importi della carta REI dipendono da due fattori:

  • il numero dei componenti familiari, indicati sul modello Isee 2019;
  • dalla soglia di reddito di riferimento, in fase di prima applicazione,
  • dai trattamenti assistenziali ricevuti dallo Stato.
Carta Rei 2019 Importi

Carta Rei 2019 Importi

Per ricevere tutti i pagamenti, è necessario:

  • aggiornare il modello Isee 2019 correttamente senza errori ed omissioni;
  • sottoscrivere il progetto REI ai servizi sociali del Comune, dopo 6 ricariche Inps;
  • inviare, il modello REI COM, nel caso di variazioni della situazione lavorativa di un componente familiare;
  • svolgere la prestazione lavorativa richiesta dai servizi sociali del Comune.

Per controllare tutte le date di pagamento delle ricariche REI 2019, leggi il nostro articolo: Date di pagamento Carta REI 2019 Inps. 

Riferimenti normativi: Messaggio Inps n. 2120 del 24 Maggio 2018, Messaggio Inps n. 4811 del 30/11/2017 – Dlgs n. 147 del 2017circolare Inps n. 172 del 22 novembre 2017

Valuta l'articolo
[Totali: 6 Media: 4.5]

Scarica gli allegati


Seguici su Telegram

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

6 Comments

  1. sopra c’è scritto che per la rei si puo fare richiesta fino al 28,e che da marzo giorno 4 solo reddito di cittadinaza,allora che senso ha? andare a fare richiesta rei che dopo 4 giorni decade… domanda da uno ignorante?

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 21 Febbraio 2019 at 17:46

      Se fa ma la domanda del REi entro febbraio 2019, riceverà la mensilità intera di Marzo 2019

      Rispondi

  2. Buongiorno il mio recente isee ammontava a 5.600.00 invece quello odierno 2019 a 6.043.66. Usufruivo della carta rei…la mia domanda è se usufruiro’ nuovamente di tale carta?

    Rispondi

    1. Stefano Mastrangelo 20 Febbraio 2019 at 9:12

      Salve,
      in questo paragrafo trova i requisiti per la Carta REI aggiornati al 2019: https://insindacabili.it/carta-rei-2019/#Reddito_di_inclusione_REI_2019_requisiti

      Cordiali Saluti

      Rispondi

  3. L’isee rinnovato dal commercialista viene mandato in automatico all’INPS per avere l’accredito della carta rei?

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 18 Febbraio 2019 at 16:44

      Sì, venie acquisito automaticamente dall’Inps

      Rispondi

Se ci sono dei commenti, troverai già la risposta al tuo quesito - Leggi prima di commentare ;)