Il modello Rei com online: che cos’è e come funziona 

Il rei, il reddito di inclusione per le famiglie povere, è compatibile con lo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa svolta da uno o più componenti familiari indicati sul modello Isee, a condizione che si rispettino determinate condizioni di bisogno dell’intero nucleo familiare.

Cos’è e come funziona il modello Rei com?

Il Rei com è un modello allegato alla circolare Inps n. 172 del 22 novembre 2017 per comunicare le variazioni delle situazione lavorative e reddituali di tutti i componenti del nucleo familiare avvenute durante la percezione del Rei. Questo modello è stato predisposto dall’Inps per verificare che la condizione di bisogno, anche nel caso di contratti di lavorativi da parte dei componenti familiari, permangono durante tutto il periodo di 18 mesi.

Quando devo comunicare il modello Rei com?

Il modello di variazione della situazione lavorativa del rei deve essere comunicato in due momenti diversi:

  • nel momento della richiesta del rei, quando il nucleo familiare è in possesso di redditi da lavoro che non possono essere rilevati dal modello Isee per l’intera annualità. In particolare se viene spulciata l’opzione “uno o più componenti del nucleo familiare svolgono attività lavorativa, avviata successivamente al 1 gennaio dell’anno di riferimento dei redditi dichiarati in ISEE (ad esempio per l’isee 2017 l’attività deve essere iniziata dopo il primo gennaio 2015; mentre per l’isee 2018, l’attività deve essere iniziata dopo il primo gennaio 2018. In questo caso, all’atto di presentazione della domanda, è obbligatorio, a pena di decadenza, compilare il Rei-com;
  • entro 30 giorni dall’inizio dell’attività lavorativa di uno o più componenti familiari;
  • entro il mese di gennaio, se il beneficio si protrae anche nell’anno successivo.
Leggi anche  Pagamenti carta REI Agosto 2018: ANTICIPAZIONI ricarica Inps

Cosa devo comunicare all’Inps?

Quando uno o più componenti iniziano un’attività lavorativa, il richiedente del rei deve comunicare all’Inps attraverso il rei-com:

  • di aver iniziato o proseguito un’attività lavorativa a tempo indeterminato, determinato, aver avviato un’impresa, un lavoro parasubordinato o accessorio in Italia o all’estero;
  • la data di assunzione o l’inizio di un’attività lavorativa autonoma o parasubordinata;
  • la denominazione sociale del datore di lavoro (cognome e nome per le persone fisiche e nome della società nel caso di imprese);
  • il reddito annuo lordo previsto per l’intero periodo dell’attività lavorativa;

Come si accede al Rei Com?

Il modello è possibile presentarlo in fase di prima richiesta ai servizi sociali del Comune di residenza o ai Caf convenzionati con i Comuni. Nel caso di variazione durante la percezione del beneficio, potresti accedere personalmente nella tua area con il codice Pin Inps dispositivo. Clicca su questo link ed accedi inserendo il codice fiscale ed il codice Pin online Inps dispositivo. Clicca su Gestione Domande – Lista ed il simbolo dell’euro indicato dalla freccia rossa.

Rei com

Rei com

In seguito premi su compila ed invia nuovo modulo Rei-com e segui la procedura.

Rei com

Rei com

Quando decade il Rei?

Quando si comunica il ReI-Com, i valori economici Isee e Isre sono aggiornati dall’Inps cambiando il reddito annuo lordo comunicato, con quello dichiarato nel modello Isee ordinario. Il rei decade, dal mese successivo alla rioccupazione o all’avviamento di un’attività di lavoro autonomo, quando non ci sono più i requisti economici previsti dalla normativa del reddito di inclusione (valore attestazione Isee non superiore a 6.000 euro e valore ISRE ai fini del rei non superiore a 3.000 euro). Inoltre si perde il rei, nel momento in cui non si comunica all’atto della richiesta ed entro 30 giorni dall’inizio delle variazioni della situazione lavorativa dei componenti del nucleo familiare, il modello Rei-com.

Riferimento normativo: Circolare Inps n. 172 del 22 novembre 2017

Hai bisogno di assistenza e consulenza personalizzata?

Sei hai bisogno di una consulenza sul Rei, accedi ai nostri servizi di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 20 Media: 3.5]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

16 Comments

  1. Dal 28 Dicembre giorno in qui ho presentato domanda ho avuto a luglio il verbale dopo mille chiamate e inps di persona che mi e stata accettata ad oggi mi è stato pagato solo il mese di gennaio a lugiol Agosto zero ho chiesto aiuto ma così diventa un incubo cosa mi consiglia grazie.

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 8 settembre 2018 at 10:32

      Spero che abbia rinnovato il modello Isee. Inoltre deve attivare il progetto personalizzato REI del Comune. Per i mesi da gennaio a maggio 2018 chieda ai servizi sociali del suo Comune se era in possesso dei requisiti familiari. Buona giornata.

      Rispondi

Invia il tuo Commento