Articolo aggiornato il 19 Maggio 2022 da Stefano Mastrangelo

Bonus 200 euro: ecco il testo ufficiale con tutti i requisiti

Come ottenere il Bonus di 200 euro? E’ stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale numero 114 del 17 Maggio 2022, il testo definitivo del decreto legge 50/2022, con tutte le categorie che hanno diritto al Bonus di 200 euro.

Ci sono diverse novità in merito, sopratutto per chi è obbligato a fare domanda o per chi lo riceverà direttamente in busta paga o sulla propria pensione.

Vediamo tutti i requisiti e quando arriva il bonus di 2022 nel 2022.

Tantum 200 euro lavoratori dipendenti requisiti e quando arriva?

Ai sensi dell’articolo 31 del decreto legge 50/2022, i lavoratori dipendenti del settore privato e della pubblica amministrazione hanno diritto al bonus 200 euro, solo se, nei primi 4 mesi del 2022, hanno beneficiato dello sconto dell’aliquota Inps dello 0.8%.

Questa riduzione del contributo previdenziale per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore, è riconosciuta per tutto l’anno 2022, a coloro che non superano una retribuzione imponibile ai fini previdenziali, di 2.692 euro.

Quindi potranno ricevere il bonus di 200 sulla busta paga di luglio 2022, tutti i lavoratori dipendenti, che non superano un’imponibile previdenziale di 2692 euro, previa una dichiarazione (quindi bisognerà presentare un modulo predisposto e consegnato dal datore di lavoro) dello stesso lavoratore di non porterlo percepire con altre tipologie di prestazioni. (come la pensione o il Reddito di cittadinanza).

E’ risconosciuta una sola volta, anche con due o più rapporti di lavoro. Inoltre il bonus non è pignorabile, non è cedilibile e non fa reddito ai fini irpef.

Bonus 200 euro ai benificiari di Reddito di cittadinanza?

Ai titolari di Reddito di cittadinanza, con diritto a percepire la ricarica di Luglio 2022, nel pagamento Inps del mese di Luglio, ci sarà un’indennità integrativa di 200 euro, in automatico, senza fare nessuna domanda.

Il bonus 200 euro è riconosciuto ai beneficiari Rdc, solo se all’interno del nucelo familiare non ci siano soggetti che hanno diritto alla stessa indennità, come pensionati e lavoratori dipendenti.

Quando pagano l’indennità di 200 euro ai pensionati?

L’Istituto previdenziale Inps provvederà al pagamento, nel cedolino di Luglio 2022, in automatico, del bonus di 200 euro ai beneficiari residenti in Italia di:

  • Pensione a carico qualsiasi forma previdenziale obbligatoria,
  • Pensione sociale o assegno sociale,
  • Assegno o pensione di invalidi civili,
  • Pensione dei ciechi,
  • Pensione dei sordomuti,
  • Titolari di assegno di accompagnamento.

Potranno ottenere l’indennità di 200 euro, coloro che percepiranno le precedenti pensioni, entro il 30 Giugno 2022. Anche in questo caso, il reddito personale del pensionato non deve superare 35.000 euro di imponibile irpef. E’ riconosciuta una sola volta, anche se il pensionato ha un rapporto di lavoro.

Bonus 200 euro anche ai disoccupati?

L’indennità di 200 euro è riconosciuta anche a chi percepirà la disoccupazione Naspi e la Dis-coll nel mese di Giugno 2022.

Il Bonus di 200 euro sarà riconosciuto anche ai percettori della disoccupazione agricola 2022, con riferimento l’anno lavorativo 2021.

Il testo del decreto legge non prevede nessuna domanda per queste categorie ed anche i tempi di erogazione.

Bonus 200 euro ai lavoratori Colf e badanti: bisogna fare domanda?

Ai lavoratori domestici che risultano titolari di un rapporto di lavoro al 18 Maggio 2022, è riconosciuta un’indennità di 200 euro, nel mese di Luglio 2022. Per ottenere il bonus, bisognerà inviare una domanda sul sito dell’Inps, in attesa della procedura telematica predisposta dall’Istituto.

Bonus 200 euro per i Co.co.co: bisogna fare domanda?

Anche ai collaboratori coordinati e continuativi spetta il bonus di 200 euro, con un reddito imponibile irpef inferiore a 35.000 euro per l’anno di imposta 2021, rispettando due requisiti:

  1. titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa con contratto non terminato alla data del 18 Maggio 2022.

Tantum 200 euro Stagionali del turismo e dello spettacolo: a chi spetta?

E’ riconosciuto in automatico e senza fare nessuna domanda, il bonus di 200 euro, ai seguenti lavoratori, con contratto a tempo determinato ed a intemittenza, che hanno ricevuto le indennità Covid:

  1. lavoratori stagionali del turismo,
  2. ai lavoratori degli stabilimenti termali,
  3. ai lavoratori dello spettacolo,
  4. ed infine ai lavoratori dello Sport,

che nell’anno 2021 abbiano svolto la prestazione per almeno 50 giornate ed hanno un reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35.000 euro per l’anno 2021.

Il bonus di 200 euro spetta anche ai lavoratori a chiamata e per gli incaricati delle vendite a domicilio, solo su domanda.

I primi, i titolari di un contratto di lavoro intermittente, hanno diritto all’indennità di 200 euro solo se hanno svolto almeno 50 giornate lavorative, con un reddito imponibile inferiore a 35 mila euro per l’anno 2021.

Mentre gli incaricati a domicio, hanno diritto al bonus, solo se titolari di partiva iva e con un reddito di vendite a domicilio superiore a 5000 euro.

Indennità 200 euro ai lavoratori occasionali?

Il Bonus di 200 euro è riconosciuto tramite domanda, ai lavoratori autonomi senza partita iva ed iscritti, al 18 Maggio 2022, alla Gestione separata Inps solo se:

  1. non sono iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria,
  2. nel 2021 dovevano essere titolari di contratti autonomi occasionali ai sensi dell’articolo 2222 del codice civile,
  3. aver accreditato un contributo mensile nell’anno 2021 presso la Gestione separata.

Bonus 200 euro ai lavoratori autonomi?

Per i lavoratori autonomi, il Governo, ha predisposto un fondo di 500 milioni di euro. Entro il 17 Giugno 2022, un decreto del Ministero del lavoro, indicherà i criteri e le modalità per ottenere il Bonus i 200 euro anche per i lavoratori autonomi.

Consulenza Online
Hai bisogno di una consulenza online dal Team di insindacabili? Visita adesso la nostra area dedicata.

Per tutti gli altri approfondimenti su fisco, previdenza e immigrazione, leggi i nostri ultimi articoli su indindacabili.it:

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui