Articolo aggiornato il 23 Febbraio 2021 da Stefano Mastrangelo

Cosa fare se lo stato della domanda assegno di natalità è sospesa? 

L’assegno di natalità o il bonus bebè, è un bonus Inps per le famiglie da 80 sino ai 160 euro E’ entrato in vigore nel 2015 e spetta ai nuclei familiari, per 12 mensilità.

Quando viene pagato il Bonus Bebè Inps ed in quali casi può essere sospeso?
Approfondiamo il tutto nel nostro articolo

Bonus bebè stato domanda sospesa

I pagamenti del bonus bebè avvengono mensilmente ed i primi accrediti, vengono corrisposti dopo circa 120 giorni dalla data della domanda. I mesi di Gennaio e Febbraio, vengono pagati spesso in ritardo e solo dopo il rinnovo del modello di ogni anno (l’Inps acquisisce automaticamente il modello Isee aggiornato).

Se la domanda telematica è stata fata entro 90 giorni dalla nascita o dall’ingresso in famiglia, gli accrediti avvengono dal mese di nascita o di ingresso del bebè. Invece se l’istanza telematica è stata fatta dopo 90 giorni, i pagamenti avverranno dal mese successivo dalla presentazione della domanda.

Per controllare lo stato domanda del Bonus bebè, devi accedere al servizio online Inps: Assegno di natalità – bonus bebè (cittadino) con il Pin dispositivo Inps (in via di disattivazione da parte dell’Inps), lo Spid o la carta nazionale dei servizi. Inserisci le credenziali:

Stato domanda sospesa bonus bebè
Stato domanda sospesa bonus bebè

Clicca su Consultazione Domande e visualizzerai:

  • l’ID della domanda,
  • la data della domanda,
  • il cognome e nome del bebè,
  • il tipo di richiedente,
  • il numero di protocollo,
  • lo stato della domanda,
  • i documenti correlati.
Bonus bebè sospesa verifica Sr163
Bonus bebè sospesa verifica SR163

Bonus bebè sospeso: cosa fare

Se in stato domanda risulta la dicitura sospesa, dopo 120 giorni dalla data dell’invio telematico, controlla:

  • prima di tutto se hai rinnovato il modello Isee dell’anno in corso, senza errori o omissioni,
  • se hai comunicato correttamente l’IBAN per il pagamento

Alle volte infatti, i pagamenti e la Domanda, possono essere sospesi in quanto l’INPS non trova una corrispondenza con un IBAN valido.
Per questo è bene verificare di aver comunicato l’IBAN senza errori. In caso contrario bisogna comunicare ad INPS i nuovi estremi bancari per la ricezione dei pagamenti.

Sino ad inizio 2020 era indispensabile comunicare i dati di pagamento tramite il modello SR163, ma tale modello è stato eliminato con lo scoppio della Pandemia da Covid19.

Basterà semplicemente mettersi in contatto con la Sede Inps territoriale e comunicare il nuovo IBAN o l’IBAN corretto per continuare a ricevere i pagamenti per il Bonus Bebè.

Per inviare correttamente la domanda online assegno di natalità o bonus bebè Inps, guarda le istruzioni del nostro video:

Consulenza online del team di insindacabili.it
Per una consulenza telefonica sul bonus bebè Inps o per qualsiasi altra problematica previdenziale, puoi accedere alla nostra area dedicata di consulenza online.

Leggi le ultime notizie pubblicate sul nostro portale

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui