come si utilizza la Carta ADI - guida completa

Articolo aggiornato il 18 Giugno 2024 da Stefano Mastrangelo

Cos’è la Carta di Inclusione?

Come si utilizza la carta di inclusione ADI? La carta di inclusione è una carta prepagata postale di colore blu, che consente di acquistare beni di prima necessità o di effettuare tutte quelle spese necessarie al titolare della carta, che non sono escluse dal Decreto del Ministero del Lavoro.

Come si riceve la Carta di Inclusione?

Per ricevere la Carta ADI, bisogna presentare una domanda all’Inps denominata Assegno di inclusione. Dopo l’accoglimento della richiesta ADI, il beneficiaro riceverà un messaggio sul numero di cellulare indicato sulla domanda o una email per ritirare la carta all’ufficio postale. In particolare i primi messaggi arrivano verso il 15 del mese successivo alla data presentazione della domanda.

Come funziona la Carta di Inclusione?

La carta di inclusione è una vera carta prepagata. Dopo l’accredito, si può prelevare in contanti per un importo pari alla scala di equivalenza, pagare le bollette della luce e del gas, pagare l’affitto con bonifico SEPA e l’eventuale rata del mutuo.

Posso prelevare contanti con la Carta di Inclusione?

Il beneficiario dopo aver ricevuto la ricarica il 15 o il 27 del mese, può prelevare in contanti in relazione al valore della scala di equivalenza. Ad esempio un pensionato di 65 anni, può prelavare al massimo 100 euro mensili (valore 1). Due pensionati, di cui un membro con disabilità grave, con una scala di equivalenza di 1.5, potranno prelevare al massimo 150 euro mensili.

Ecco la scala di equivalenza ADI:

  • 0,50 per ogni membro con disabilità grave o non autosufficiente, come definito dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n.159 del 2013.
  • 0,40 per ogni membro di età 60 anni o più.
  • 0,40 per un membro maggiorenne con responsabilità di cura, come specificato nel decreto-legge n. 48/2023.
  • 0,30 per ogni altro membro adulto che vive in condizioni di grave disagio bio-psico-sociale e partecipa a programmi di assistenza certificati dallo Stato.
  • 0,15 per ogni bambino, fino a un massimo di due.
  • 0,10 per ogni bambino in più dopo i primi due.

Per verificare il valore della scala di equivalenza è possibile accedere al servizio online Inps: Assegno di inclusione e cliccare sulla i in domanda accolta.

Cosa si può acquistare con la Carta di Inclusione?

Con la Carta di inclusione ADI si possono effettuare acquisti in tutti i supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie abilitati al circuito Mastercard. La carta può essere utilizzata per tutte le esigenze del titolare ad esclusione di quelle vietate dal decreto del Ministero del lavoro del 27 Dicembre 2023.

Cosa non si può acquistare con la Carta di Inclusione?

Con la carta ADI non si possono acquistare:

  • giochi che prevedono vincite in denaro o altre utilita’;
  • acquisto di sigarette, anche elettroniche, di derivati del fumo;
  • giochi pirotecnici;
  • prodotti alcolici.
  • acquisto, noleggio e leasing di navi e imbarcazioni da diporto, nonche’ servizi portuali;
  • armi;
  • materiale pornografico e beni e servizi per adulti;
  • servizi finanziari e creditizi;
  • servizi di trasferimento di denaro;
  • servizi assicurativi;
  • articoli di gioielleria;
  • articoli di pellicceria;
  • acquisti presso gallerie d’arte e affini;
  • acquisti in club privati.

Dove posso trovare maggiori informazioni? 

Per informazioni dettagliate sulla Carta di Inclusione ADI, è indispensabile consultare i siti web di Poste Italiane o del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Contattaci per avere maggiori informazioni sulla Carta di inclusione ADI.

Vota questo articolo

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui