Comunicazione Enea ristrutturazione scadenza al 1° Aprile 2019

Ancora proroghe per la comunicazione Enea ristrutturazioni, per tutti i soggetti che hanno effettuano interventi di recupero sul proprio immobile e vogliono usufruire della detrazione fiscale del 50%, sulla dichiarazione dei redditi.

Comunicazione Enea per ristrutturazione edilizia 2019 Agenzia delle Entrate

Sul sito internet: www.ristrutturazioni2018.enea.it, è possibile inviare la comunicazione degli interventi edilizi di manutenzione, recupero e ristrutturazione, compreso quelli di risparmio energetico, effettuati sugli immobili. La data di scadenza dell’invio della comunicazione è slittata dal 19/21 febbraio 2019 al 1° Aprile 2019 per tutti i lavori terminati nel 2018. Invece per i lavori ultimati dal 1° Gennaio 2019 in poi, la comunicazione deve essere inviata entro 90 giorni dalla data di ultimazione e collaudo dei lavori. 

Comunicazione Enea per ristrutturazione edilizia 2019: registrazione sito online

Per procedere alla comunicazione all’Enea, bisogna registrarsi sul sito online: www.ristrutturazioni2018.enea.it.

Comunicazione Enea ristrutturazione 2019

Comunicazione Enea ristrutturazione 2019

Compila il modulo correttamente (beneficiario se sei l’utente finale) con i tuoi dati anagrafici, crea una password ed inserisci il codice esattamente come lo visualizzi sull’immagine

Registrazione ENEA 2019

Registrazione ENEA 2019

Compila i riquadri successivi, indicando tutti gli interventi effettuati per il recupero del patrimonio edilizio. In seguito invia la comunicazione e stampa l’intero modello della comunicazione. Nella ricevuta della comunicazione, sarà indicato il codice identificativo e la data della trasmissione.

Comunicazione Enea ristrutturazione scadenza: cosa bisogna comunicare?

Alla termine dei lavori, entro 90 giorni, bisogna comunicare obbligatoriamente all’Enea, gli interventi di ristrutturazione edilizia:

  • la riduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno;
  •  riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno
    e dai vani freddi;
  • riduzione della trasmittanza termica dei pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno.
Potrebbe interessarti anche  Sussidio di cittadinanza: guida completa e chiarimenti

La detrazione fiscale spetta per gli interventi:

  • sugli infissi, (solo quando c’è una riduzione della trasmittanza dei serramenti)
  • gli infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi.

Detrazioni fiscali per impianti tecnologici

La detrazione fiscale del 50% è riconosciuta per l’installazione degli impianti tecnologici elencati qui di seguito:

  • installazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti;
  • sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • microcogeneratori (Pe<50kWe);
  • scaldacqua a pompa di calore;
  • generatori di calore a biomassa;
  • installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze;
  • installazione di sistemi di termoregolazione e building automation;
  • le installazioni di impianti fotovoltaici.

Detrazioni fiscali elettrodomestici: comunicazione ENEA 2019

Sono detraibili dal 1° Gennaio 2017 l’acquisto degli elettrodomestici, nel caso in cui ci siano interventi di ristrutturazione sull’immobile. Gli elettrodomestici sono:

  • forni (classe minima A);
  • frigoriferi (classe minima A+);
  • lavastoviglie (classe minima A+);
  • piani cottura elettrici (classe minima A+;
  • lavasciuga (classe minima A+);
  • lavatrici (classe minima A+).

Consulenza Online insindacabili.it
Vuoi ricevere una Consulenza fiscale telefonica sulla Comunicazione Enea ristrutturazione edilizie 2019, dai nostri esperti? Visita subito la nostra area dedicata.

Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 5]

Seguici su Telegram

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Se ci sono dei commenti, troverai già la risposta al tuo quesito - Leggi prima di commentare ;)