GDRP acronimo: il significato, la normativa e cos’è

Da oggi, 25 Maggio 2018 entra in vigore il GDRP o RGDP, ovvero il Regolamento generale sulla protezione dei dati. Il GDPR è stato creato su indicazione della Commissione Europea per armonizzazione e semplificare tutte le norme riguardanti il trasferimento dei dati personali dall’Ue verso altre parti del mondo. GDRP acronimo

La creazione di tale normativa si è resa necessaria al fine di regolamentare ed unificare le differenti normative sulla protezione dei dati personali dei differenti Stati Membri.
Da oggi quindi, il GDRP in Italia, va ad abrogare le norme del codice per la protezione dei dati personali (l’ormai celebre decreto legislativo 196/2003) con esso incompatibili. GDRP significato

Il regime di protezione dei dati proposto per l’UE estende gli obiettivi della legge europea sulla protezione dei dati a tutte le imprese estere che trattano dati di residenti europei a prescindere dal luogo nel quale le trattano e dalla loro sede legale. Permette di armonizzare le diverse normative sulla protezione dei dati in tutta l’UE, facilitando così l’osservanza delle norme da parte delle imprese non europee; tuttavia, questo è stato ottenuto a costo di un regime che prevede una severa disciplina di protezione dei dati, con rigide sanzioni che possono raggiungere il 4% del volume globale di affari.

Cosa cambia per gli utilizzatori dei siti web e del nostro portale insindacabili.it?

Dal punto di vista operativo non cambia molto e non bisogna svolgere particolari operazioni. Tuttavia è bene ricordare che aumenterà la sicurezza delle protezione dei dati personali.
Non sarà possibile essere iscritti in automatico ad alcun servizio ed i dati personali non potranno essere divulgati a terzi senza espressa autorizzazione.
Ogni cittadino ed utente sarà libero di poter scegliere di cancellare le informazioni personali e gli Account, da siti web, APP e società (come Banche, Poste, enti di credito…)

Potrebbe interessarti anche  Come verificare il rimborso 730 Inps

Le Aziende dovranno definire un responsabile (interno o esterno) per il trattamento dei dati personali, il quale dovrà mettere in campo tutte le operazioni possibili al fine di garantire la massima sicurezza per gli utilizzatori finali. regolamento ue 2016/679

Le società che non si adegueranno sin da subito al GDRP potranno essere sanzionate con multe che vanno sino al 4% del fatturato Globale, o sino a 20 milioni di euro. A risponderne saranno in prima persona le Persone Fisiche o le società esterne responsabili del trattamento dei dati personali.

GDRP e portabilità dei dati

Qualsiasi cittadino deve essere in grado di trasferire i propri dati personali da un sistema elettronico ad un altro senza che il precedente gestore dei dati personali possa impedirlo. Inoltre questi dati devono essere distribuiti dal controllore in un formato strutturato e di uso comune, per facilitarne dunque il passaggio tra Aziende e Società concorrenti

GDRP e link utili

Prima di salutarvi, vi lasciamo con alcuni link utili che potranno agevolarvi nella comprensione delle misure adottate dal nostro sito e dalle indicazioni ufficiali relative all’adozione del GDRP nei paesi membri UE:

Consulenza del team di insindacabili.it

Per una consulenza personalizzata in merito alle nostre aree di lavoro, è possibile accedere alla nostra area dedicata alle consulenze online.

Valuta l'articolo
[Totali: 5 Media: 4.4]

Posted by Stefano Mastrangelo

Consulente tecnico e creatore di contenuti per il sito Insindacabili.it

Invia il tuo Commento