Cosa significa il Il richiedente è titolare della prestazione ANF?

Dal 1° Aprile 2019, è possibile presentare la domanda degli assegni per il nucleo familiare (ANF), solo esclusivamente, in via telematica all’Inps. Quindi, da questa data in poi, il modulo degli assegni familiari è online ed i titolari delle prestazione, potranno rivolgersi agli uffici dei patronati o inviare la pratica autonomamente, per trovarsi sulla busta paga, la voce ANF lavoratori dipendenti.

Assegni familiari a chi spettano?

Gli assegni nuclei familiari, sono benefici economici riconosciute alle famiglie, per affrontare le spese del nucleo familiare. Spettano ad un solo genitore o ad una sola persona, per lo stesso nucleo e sono riconosciuti:

  • a tutti i lavoratori dipendenti pubblici e privati, compresi i lavoratori iscritti alla gestione separata Inps ed alle lavoratrici domestiche,
  • ai lavoratori agricoli, (la domanda deve essere presentata entro il 31 marzo, direttamente all’Inps, attraverso la domanda di disoccupazione agricola, per i lavoratori agricoli a tempo determinato)
  • ai pensionati,
  • ai disoccupati in Naspi.

Ad esempio, possono chiedere gli assegni familiari sulla busta paga, un lavoratore dipendente privato con un reddito complessivo medio e con il seguente nucleo familiare:

  • due adulti genitori,
  • uno o più figli minorenni, residenti nello stesso stato di famiglia dei genitori.

La domanda degli assegni familiari Inps, è molto più semplice per i genitori sposati o uniti civilmente. Per tutti gli altri:

  • genitori separati o divorziati,
  • non sposati,
  • o per includere familiari disabili o maggiorenni all’interno del nucleo,

è necessaria una preventiva autorizzazione da parte dell’Inps e quindi un ulteriore domanda online denominata ANF42.

Inps assegni familiari 2019 online

Gli ANF sono pagati sulla busta paga, dal datore di lavoro o dalla Pubblica Amministrazione. Per riceverli con continuità, ogni anno bisogna inviare una domanda online ANF, tramite l’Inps (da Giugno) o presentare all’amministrazione pubblica il modulo cartaceo Assegni familiari (da Giugno), per il periodo dal 1° Luglio al 30 giugno dell’anno successivo.

Dal 1° Aprile 2019, solo per i dipendenti privati, il modulo di domanda ANF è online e l’istanza si presenta tramite il servizio online: Domande per prestazioni a sostegno del reddito.

Come abbiamo detto in precedenza, per i genitori non sposati, separati o per particolari richieste, il richiedente degli assegni familiari, deve possedere preventivamente un’autorizzazione, per lo stesso periodo di validità della richiesta. Ad esempio per il nuovo periodo, dal 1° luglio 2019 al 30 Giugno 2020, l’autorizzazione ANF43 deve essere valida sino al 30 giugno 2020. Se l’autorizzazione è valida sino al 31 dicembre 2020, la domanda sarà respinta.

Istruzioni compilazione assegni familiari 2019

Dopo aver accertato tutte le autorizzazioni, accediamo al servizio online: Domande per prestazioni a sostegno del redditoe clicchiamo su Assegno al nucleo familiare – Lavoratori dipendente di aziende attive. Premi su nuova domanda:

Servizi online Modello ANF Inps dipendenti privati
Servizi online Modello ANF Inps dipendenti privati

In seguito dobbiamo cliccare sul Nuovo, in relazione ai periodi di competenza ANF da richiedere. Ad esempio per il nuovo periodo, 01/07/2019 al 30/06/2020, clicchiamo su Nuovo, in relazione all’anno fiscale 2018.

Nuova domanda Assegni familiari 2019
Nuova domanda Assegni familiari 2019

La prima domanda nella sezione compilazione dati anagrafici, ci chiede il codice fiscale dell’azienda che erogherà gli ANF e se il richiedente è titolare della Prestazione, si o no? 

Il richiedente è titolare della prestazione significato
Il richiedente è titolare della prestazione

Il richiedente è titolare della prestazione cosa significa?

Nella prima schermata di compilazione degli assegni familiari, il sistema ci chiede, se il richiedente è titolare della prestazione. Alla prima domanda bisogna rispondere:

  • , il richiedente è titolare della prestazione, se è lo stesso richiedente della procedura, che percepirà gli assegni familiari in busta paga,
  • no, il richiedente NON è titolare della prestazione, quando il reale diritto, spetta per persona diversa, da chi sta presentando la domanda. (Ad esempio per l’ex coniuge)

Infatti se clicchiamo su no, si aprirà una nuova schermata, dove inseriremo i dati del titolare della prestazione, ossia colui che ha la busta paga. In seguito bisogna indicare i:

  • figli ed equiparati minorenni e maggiorenni inabili;
  • i figli ed equiparati studenti o apprendisti tra 18 e 21 anni, solo se facenti parte di nuclei numerosi (cioè nuclei familiari con almeno quattro figli tutti di età inferiore ai 26 anni, previa autorizzazione richiesta all’Inps);
  • i nipoti minori in linea retta, viventi a carico dell’ascendente;
  • eventuali fratelli, sorelle e nipoti del richiedente orfani di entrambi i genitori e non titolari di pensione ai superstiti.

I lavoratori extracomunitari hanno diritto agli ANF, solo per i familiari residenti in Italia o in Paesi convenzionati.

Assegni familiari calcolo mensile

Gli importi degli assegni familiari vengono riportati nella stessa procedura della domanda. Basta cliccare su Consultazione. Lo stato della domanda ANF, nell’esempio, è accolta. Per verificare gli importi clicca su DETTAGLIO

Calcolo mensile assegni familiari
Calcolo mensile assegni familiari

Nell’esempio, dopo lo stato domanda: frazionamento ok anf, visualizzeremo gli importi. In questo caso per 3 familiari, con un reddito complessivo di lavoro dipendente di 7763 euro, spettano:

  • 137,50 euro mensili,
  • 5,29 euro di importo ANF giornaliero (indicato per i lavoratori part-time)
Assegni familiari ANF importi
Assegni familiari ANF importi

Questo importo di 137,50 ogni mese cambia, in relazione ai giorni lavoratori. Per 22 giorni lavoratori, spetteranno in busta paga 116,34 euro (137,50 / 26 = 5,29 * 22)

Quindi per calcolare l’importo degli assegni familiari mensili, devi tener conto di diversi elementi:

  • del numero dei componenti familiari aventi diritto (ad esempio due genitori e due figli minori)
  • del reddito complessivo indicato sul modulo online dell’Inps (Il 70% del reddito complessivo, deve derivare da lavoro dipendente)
  • delle ore lavorate durante il mese o l’eventuale contratto di lavoro part-time,
  • dell tabelle ANF, dal 1° Luglio 2019 al 30 giugno 2020, allegata a questa articolo.

Si possono richiedere gli assegni familiari ANF arretrati, al massimo per 5 anni.

Sono esclusi dalla compilazione assegni familiari online, i seguenti lavoratori:

  • i dipendenti pubblici (Noipa),
  • i lavoratori agricoli con contratto tempo indeterminato,
  • i lavoratori di aziende fallite o cessate (il pagamento avviene direttamente dall’Inps, ai sensi della circolare 136/2014).

Consulenza online insindacabili.it
Per una consulenza dettagliata sugli assegni per il nucleo familiare, accedi alla nostra area dedicata di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 1 Media: 5]

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui