La procedura Inps per ottenere la carta Rei 2018

Hai presentato la domanda Rei al tuo Comune di residenza o hai utilizzato la piattaforma della Regione Puglia per inoltrare la domanda Rei? Bene! Dal primo dicembre 2017 è possibile presentare al Comune di residenza il modulo rei per richiedere la cosiddetta Carta Rei 2018, un beneficio economico mensile da un minino di 190 euro ad un massimo di 485 euro, della durata massima di 18 mesi.

La procedura per ottenere la carta rei?

Dopo aver presentato al Comune di residenza la domanda del reddito di inclusione REI, lo stesso Comune come da messaggio Inps n. 4811 del 30 novembre 2017, deve verificare i requisiti di residenza e di soggiorno del richiedente, entro 15 giorni lavorativi dalla data di ricevimento delle domande. In seguito l’Inps, ha cinque giorni di tempo dalla trasmissione delle domande da parte del Comune, per controllare i requisiti familiari ed economici come da Dlgs n. 147 del 2017 e da circolare Inps n. 172 del 22 novembre 2017.

Quali sono i requisiti familiari per ottenere il Rei?

L’Istituto di Previdenza controllerà sino al 31 Maggio 2018 che all’interno del nucleo familiare ci sia uno dei seguenti componenti:

  • un componente con età inferiore a 18 anni;
  • in alternativa un componente disabile, con la presenza di un genitore o un tutore;
  • una donna in stato di gravidanza (tale controllo sarà effettuato dal Comune di residenza)
  • disoccupato con un’età pari o uguale a 55 anni, che abbia terminato l’eventuale indennità di disoccupazione da almeno tre mesi.
Potrebbe interessarti anche  Date pagamento Bonus Bebè 2019: come controllare

I requisiti economici ai fini del Rei?

I requisiti economici soggetti a controllo da parte dell’Inps saranno indicati nella procedura, in quanto nell’attestazione Isee non è riportato l’indicare ISRE ai fini rei, fondamentale per l’approvazione della domanda. Devi sapere che dal valore Isee verranno sottratti tutti i trattamenti a sostegno del reddito percepiti, come Sia, Asdi e carta acquisiti per minori di tre anni, in riferimento all’anno di calcolo della dichiarazione Isee. (Per quella vigente sino al 15 gennaio 2018, si terrà conto degli emolumenti del 2015).

Sia e Rei, quanto durano?

La durata massima del Rei è 18 mesi, che potrà essere rinnovata trascorsi sei mesi, e la sua durata sarà di altri 12 mesi. Quando percepirò il Rei, dovrò sottrarre a queste, le mensilità percepite con carta Sia, anche se il Rei inizia dopo il termine della durata del Sia.

Se i beneficiari del Sia presentano la domanda Rei cosa succede?

  1. Se il beneficiario del Sia presenta il Rei nel primo al quinto bimestre del Sia, il Sia si trasforma in Rei, ed a quest’ultimo si sottraggono i mesi già percepiti con la carta Sia.
  2. Al contrario se si presenta la domanda Rei nel sesto bimestre di percezione del Sia, l’Inps ti corrisponderà il Sia-Rei per altri 6 mesi e l’importo sarà stabilito in base alle nuove condizioni del Rei.
  3. Per ultimo, se presenti la domanda dopo la scadenza del Sia, ossia dopo 12 mesi, ai 18 mesi previsti per il Rei vanno sottratti i mesi percepiti dal Sia.

Infine per coloro che hanno terminato di percepire il Sia al primo dicembre 2017 e sono in possesso dei requisiti per il Rei, è stabilito dalla legge, la corresponsione di un bimestre in più di Sia come tredicesima e quattordicesima mensilità e l’erogazione di altri 4 mesi di rei.

Riferimento normativo: Messaggio Inps n. 4811 del 30/11/2017

Valuta l'articolo
[Totali: 43 Media: 2.6]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

4 Comments

  1. Chi mi spiega che io dal 4/12 ad oggi io non ho nessuna risposta del Rei??avendo finito le 6 ricariche Sia??mentre le nuove domande già sono state pagate?

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 7 marzo 2018 at 22:30

      La trasformazione dal rei a sia è un passaggio più lungo. Deve aggiornare il modello Isee 2018. Può leggere il nostro articolo per consultare la sua domanda Rei: http://insindacabili.it/carta-rei-pagamenti-2018/. Oppure può contattare il contact center dell’Inps.

      Rispondi

  2. Hamid Mouhssein 2 marzo 2018 at 17:12

    salve dottore DI MASI SIAMO UNA FAMIGLIA DI 6 PERSONE IL MESE DI GENNAIO ABBIAMO AVUTO LA CARTA REI CON IMPORTO DI 507 EURO, MA NEL MESE DI FEBBRAIO L’IMPORTO E’STATO DI 155 EURO. POTREI AVERE DEI CHIARIMENTI, PER FAVORE? GRAZIE

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 3 marzo 2018 at 23:13

      Aggiorni il modello ISee. Dall’importo lordo vengono detratti tutti i bonus percepiti o il reddito di un eventuale componente familiare.

      Rispondi

Invia il tuo Commento