Articolo aggiornato il 22 Novembre 2022 da Nicola Di Masi

Aumento Pensioni nel 2023: quanto spetta?

Perequazione pensioni 2023 e previsione rivalutazione In attesa della pubblicazione del tasso di inflazione provvisorio dell’anno 2022, per i dovuti aumenti pensionistici, vediamo insieme quali potrebbero essere i nuovi importi delle pensioni da Gennaio 2023.

Si ricorda che gli aumenti delle pensioni, sono previsti dal 1° gennaio di ogni anno, in relazione al tasso di inflazione dell’anno precedente, ossia dalla variazione dell’indice generale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati al netto dei tabacchi.

Il decreto aiuti Bis, ha previsto dal 1° Ottobre 2022 (anche sulla tredicesima), un’anticipo della rivalutazione per l’anno 2022 del 2%, per gli assegni pensionistici rivalutati non superiori a 2.692,00 euro. Inoltre dal 1° novembre 2022, i pensionati riceveranno gli arretrati maturati, dal 1° gennaio al 30 settembre 2022, per recuperare al differenza del tasso applicato dello 0.2%.

Ipotesi Aumento pensioni 2023 Tabella importi

Dal 1° gennaio 2023, le pensioni minime aumenteranno non di pochissimo (come è avvenuto negli scorsi anni), in base alla percentuale dell’inflazione dell’anno precedente. Le pensioni minime aumenteranno in base al nuovo tasso di inflazione (circa dell’8%) e ridotte dell’anticipo del 2% già percepito da Ottobre 2022.

I nuovi importi delle pensioni minime del 2023 potrebbero essere le seguenti:

  • Il trattamento minimo passerebbe da 534,84 euro al mese (considerando la rivalutazione di Ottobre 2022), a 566,93 (nel 2023);
  • le invalidità civili da Gennaio 2023, senza maggiorazione sociale, potranno passare da 297,82 a 315,69 euro, con un incremento di 10,33 euro per chi non ha altri redditi;
  • l’assegno sociale, nel 2023, potrebbe essere pari a 505,74 euro;
  • la pensione di accompagnamento nel 2023 risulterà probabilmente pari ad euro 567 euro per 12 mensilità.

I nuovi importi delle pensioni indicati precedentemente sono solo delle ipotesi, calcolando un tasso di inflazione pari all’8%.

Le pensioni minime aumenteranno, in maniera differente, grazie al 120% di rivalutazione previsto dalla Manovra di Bilancio 2023.

Pensioni Inps rivalutazione 2023

Dal 2022, sono ritornate le fasce di perequazione (più vantaggiose), previste dalla legge n. 388/2000, ossia prima dell’entrata in vigore della legge Fornero. La rivalutazione delle pensioni nel 2023 avverrà in maniera diversa.

  • In particolare nella misura del 120%, per le pensioni minime sino a 2000 euro circa.

I nostri consulenti previdenziali per qualsiasi consulenza
– Per chiarimenti relativi agli aumenti della pensione minima, potresti usufruire, in qualsiasi momento, della nostra consulenza dedicata.
– Per altre problematiche previdenziali, puoi consultare la nostra area di consulenza online.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui