Riesame domanda REI respinta: come fare ricorso all’Inps

Come presentare ricorso quando la mia domanda Rei è stata respinta dall’Inps? Con il messaggio n. 2937 del 20/07/2018 l’Inps, indica le istruzioni e le competenze del Comune e dell’Istituto previdenziale, per la verifica dei requisiti del reddito di inclusione Rei.

Riesame domanda REI respinta: competenza Comune ed Inps

Per aver diritto al Rei erano necessari, sino al 31 maggio 2018, determinati requisiti sia familiari che economici. A partire dal primo giugno 2018, per ottenere il Rei, bisogna sempre presentare la domanda al Caf o al Comune di residenza e bisogna possedere determinati requisiti economici. Per approfondimenti leggi il nostro articolo: Carta rei modulo di domanda dal primo giugno.

Il messaggio dell’Inps specifica che fino al 31 Maggio 2018 spetta al Comune la verifica dei requisiti familiari ed in particolare:

  • lo stato di gravidanza del componente familiare, con verifica della documentazione medica;
  • il tutore, all’interno del nucleo familiare, per assistere la persona con disabilità.

Dal primo giugno 2018 è di competenza del Comune il controllo della:

  • residenza,
  • dei componenti del nucleo familiare (devono essere uguali a quelli indicati nel modello Isee);
  • della cittadinanza del disoccupato richiedente il Rei.

E’ di competenza dell’Inps, il controllo dei requisiti economici e le incompatibilità derivanti dalla percezione di prestazioni a sostegno del reddito, come la disoccupazione Naspi o la disoccupazione agricola.

Riesame domanda REI respinta: controlla online

Per verificare lo stato della domanda Rei, ti consigliamo di leggere il nostro articolo: carta rei pagamenti 2018, esito domanda rei. Dopo aver controllato l’esito della domanda, che deve risultare “completata”, visualizzare due voci:

  • controlli positivi mensili (la domanda è accolta e l’Inps sta controllando mensilmente i requisiti economici)
  • respinta (la domanda rei non è stata accettata)

Nel caso in cui la domanda rei è stata respinta, di regola bisognerebbe attendere il provvedimento per iscritto da parte dell’Inps al tuo domicilio. Noi ti consigliamo di fare subito istanza di riesame rei in autotutela, entro 30 giorni dalla visualizzazione della voce respinta. (se l’Inps non ha definito il provvedimento, la tua istanza di riesame, costituirà un sollecito alla domanda rei)

Riesame domanda REI respinta: a chi presentarlo?

Se la domanda rei è stata respinta, puoi presentare un’istanza di riesame:

  • in forma cartacea, allo sportello dello struttura territorialmente competente;
  • all’indirizzo pec della sede Inps competente, ( clicca qui per ricercare la pec delle sedi Inps),
  • con raccomandata con ricevuta di ritorno.

Dopo la presentazione del riesame, l’Inps potrebbe confermare il provvedimento negativo emanato oppure riesaminerà la domanda rei ed accoglierà la domanda. Il tutto sarà notificato al richiedente rei, non prima di 30 giorni lavorativi, dalla protocollazione del ricorso Rei. L’Istituto, consulterà il Comune, nei casi di domande rei respinte per motivi familiari.

L’Inps, come sta facendo, sta riesaminando d’ufficio le domande che sono ancora in lavorazione e sta ricontrollando le domande respinte per errore materiale del Comune o dello stesso Istituto previdenziale, quando l’esito non è conforme alla documentazione presentata.

Riesame domanda REI respinta: revoca, decadenza e sanzioni

E’ possibile anche presentare domanda di riesame rei, nel caso di revoca, decadenza o quando vengono applicate delle sanzioni per dichiarazioni non veritiere.

Per controllare le date di pagamento del rei 2018, leggi il nostro articolo: Le date di pagamento della carte rei 2018 Inps.

Riferimento normativo: D.Lgs. 15 settembre 2017, n. 147 – Messaggio Inps n. 2937 del 20/07/2018

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Valuta l'articolo
[Totali: 1 Media: 5]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

12 Comments

  1. grazie, quindi posso procedere comunque alla domanda di riesame senza attendere il provvedimento cartaceo dell’inps o non vorrebbe presa in considerazione per tale motivo? grazie ancora

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 7 agosto 2018 at 20:15

      Viene considerata come sollecito ed in seguito come riesame.

      Rispondi

      1. grazie, avrei ancora un quesito: mi sono recata alla sede inps teritoriale, ma evidentemente per mancanza di personale visto il periodo, l’impiegato allo sportello mi ha riferito che la domanda per riesame andava consegnata al direttore che e’ in ferie e che a suo dire, avendo provveduto a rifare l’isee, l’inps lo acquisisce in automatico, cio’ potrebbe sbloccare la domanda Rei con i prossimi controlli di agosto; mi sembra un’ipotesi un po remota visto lo stato di decadenza, potrebbe essere possibile? grazie ancora per le vostre risposte!

      2. Nicola Di Masi 15 agosto 2018 at 11:04

        La lettera di riesame può essere consegnata al protocollo dell’Inps con allegato i documenti (isee) indirizzandola al direttore. Può metterla sempre al protocollo. L’assenza del direttore non è una giustificazione.

  2. Salve mi chiamo giuseppe Forgione nato a napoli il 3.7.1958 ho presentato carta rei ho avuto la lettera di accoglienza il pin il primo pagamento poi sì è bloccata risulta perché Inps centrale mi a doppiata. La domanda mi potete aiutare? Grazie

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 7 agosto 2018 at 20:22

      Fate subito un ricorso tramite pec (posta elettronica certificata) o un sollecito con Inps risponde online, nel quale scrivete nome e cognome, codice fiscale, numero pratica rei, data di presentazione, problema riscontrato ed allegate copia del suo documento.

      Rispondi

  3. chiaramente allegando un nuovo isee aggiornato ai membri del nucleo familiare rimasto?

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 29 luglio 2018 at 10:53

      Allegando il modello isee 2018 senza errori o omissioni.

      Rispondi

  4. grazie per la sua cortese risposta, la domanda mi e’ decaduta poiche’ un membro del nucleo familiare ha cambiato residenza ed effettuato un altra domanda rei a mia insaputa e non ho fatto in tempo ad aggiornare il comune ai controlli mensili la domanda e’ decaduta, c’e possibilita’ di riuscire a ripristinarla con il riesame? grazie fin d’ora per la sua risposta

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 29 luglio 2018 at 10:56

      Rifaccia il modello Isee 2018 prima di tutto.

      Rispondi

  5. mi scusi, cosa scrivere nella domanda di riesame da presentare all’inps in caso di decadenza del reddito di inclusione?grazie

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 28 luglio 2018 at 10:55

      Nel riesame bisogna indicare codice fiscale, id domanda e chiede il riesame della domanda per quale motivazione.

      Rispondi

Invia il tuo Commento