I costi del permesso di soggiorno 2018: quanto costa il rinnovo?

Quali sono i costi del permesso di soggiorno 2018? Per il rilascio, per il rinnovo e per l’aggiornamento del permesso di soggiorno di un anno, di due anni o di lungo periodo (ex carta di soggiorno), lo straniero deve pagare delle tasse all’ufficio postale, nel momento cui presenta il kit del permesso di soggiorno. (Un bustone bianco contenente i documenti ed i moduli 1 e 2)

Come fare per rinnovare il permesso di soggiorno

Prima della scadenza del permesso di soggiorno, lo straniero deve raccogliere tutti i documenti e ritirare dalla posta di residenza il kit contenente:

  • il modulo 1, da compilare in tutti casi;
  • il modulo 2, da compilare per rinnovare un permesso di soggiorno per lavorato subordinato o autonomo;
  • il bollettino postale per pagare le tasse del permesso di soggiorno elettronico.

Per l’elenco di tutti i documenti necessari per rinnovare il permesso di soggiorno, ti consigliamo di leggere il nostro articolo: il rinnovo del permesso di soggiorno.

Quali sono i costi del permesso di soggiorno 2018?

Dal 09 giugno 2017 sono entrati in vigore i nuovi importi per il rilascio e/o per il rinnovo del permesso di soggiorno. Per pagare, all’interno del kit postale, c’è un bollettino preimpostato del Ministero dell’economica e delle finanze.

I costi del permesso di soggiorno

I costi del permesso di soggiorno

Dopo aver compilato i moduli 1 e 2 ed aver inserito tutti i documenti necessari per richiedere il rinnovo del permesso di soggiorno 2018, recati in una tabaccheria e compra una marca da bollo da 16,00 euro per ogni kit da presentare all’ufficio postale. Tale marca da bollo è applicata sulla prima pagina del modulo 1 compilato correttamente.

In seguito compila il bollettino postale con i seguenti importi:

– euro 40,00 + 30,46 (per la stampa del documento elettronico) = 70,46  per il rinnovo del permesso di soggiorno di durata superiore a tre mesi e fino ad un anno di scadenza;

– 50,00 euro + 30,46 = 80,46 per il rinnovo del permesso di soggiorno di durata superiore a un anno e fino a due anni di validità;

– euro 100,00 + 30,46 = 130,46 per richiedere il permesso di soggiorno CE di lungo periodo (ex carta di soggiorno) e per il rilascio del permesso di soggiorno per i dirigenti ed i lavoratori specializzati.

L’importo di 30,46 euro è la tassa per richiedere il tesserino elettronico. Dopo aver compilato il bollettino postale, dovrai pagare un ulteriore importo di 30,00 euro per spedire il kit postale tramite la raccomandata speciale delle Poste Italiane.

I costi del permesso di soggiorno: gli esclusi

Non devono pagare il contributo statale per il rinnovo del permesso di soggiorno:

  • i minorenni stranieri di 18 anni;
  • i cittadini stranieri che sono in Italia per cure mediche e ai loro accompagnatori;
  • i richiedenti stranieri che richiedono il duplicato o la conversione di permesso di soggiorno in corso di validità;
  • i richiedenti asilo;
  • gli stranieri che richiedono la protezione sussidiaria o il permesso per motivi umanitari;
  • i titolari di protezione internazionale che richiedono il permesso di soggiorno UE di lungo periodo;
  • le carte di soggiorno per i familiari di cittadini comunitari.

Tali esclusi, devono pagare, solo con il bollettino postale, l’importo di euro 30,46 per il rilascio del documento elettronico.

Quando viene utilizzato un unico kit di Poste Italiane, per il rinnovo di un altro componente familiare, soprattutto nei casi di minorenni, deve essere inserito all’interno del kit, il pagamento di un altro bollettino postale di 30,46 euro (per la stampa del documento elettronico).

Consulenza del team di insindacabili.it

Per una consulenza personalizzata sul rinnovo del permesso di soggiorno, clicca la nostra area dedicata di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 9 Media: 3]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento