Imu tasi 2018 scadenze acconto e saldo

Quali sono le scadenze per il pagamento delle imposte locali Imu e Tasi 2018? Sta arrivando il giorno di scadenza della prima o unica rata dell’Imposta municipale e della tassa sui servizi indivisibili del Comune di residenza.

In tutti e due i casi, l’imposta e la tassa sono dovute, in relazione agli immobili posseduti o utilizzati dal contribuente.

Scadenza Imu e Tasi 2018

L’Imu e la tasi del 2018 hanno lo stesso giorno di scadenza. Si pagano con il modello F24 (nella maggior parte semplificato), predisposto dal caf o dal professionista, con due codici tributo differenti. Il contribuente può pagare in due rate diverse o in un’unica rata, entro la prima scadenza. L’ Imu e la Tasi 2018 si pagano:

  • entro il 18 giugno 2018 (per il primo acconto o per la rata unica dell’interno anno)
  • entro il 17 dicembre 2018 (per il pagamento del secondo acconto e per il conguaglio dell’intero anno d’imposta 2018).

Quindi l’imu e la tasi 2018, si dividono in due rate. La metà si paga entro il 18/06/2018 e la restante parte (il saldo) entro il 17 dicembre 2018.

Imu tasi 2018 scadenze: chi deve pagare l’Imu e la tasi?

Come per gli anni passati, l’Imu NON si paga:

  • per le abitazioni principali e per le pertinenze annesse alla prima casa, dove il contribuente ha la residenza anagrafica e la dimora abituale, registrata presso l’anagrafe del Comune;
  • per i fabbricati rurali strumentali;
  • sugli immobili destinati ad abitazione principale al coniuge separato o divorziato;
  • nei Comuni Montani solo per i terreni;
  • per gli alloggi sociali;
  • per l’unico immobile posseduto dal personale delle Forze armate o delle forze dell’Ordine.

Ad eccezione di questa regola, si paga l’Imu sulla prima casa solo per gli immobili di lusso, con categoria catastale A/1, A/8, A/9 . L’Imu è obbligatoria versarla:

  • per tutte le seconde case di proprietà, con diritto di usufrutto, uso, abitazione, superficie, enfiteusi o per l’ex coniuge assegnatario dell’immobile.
  • sugli immobili con categoria commerciale;
  • per le aree fabbricabili;
  • in particolari casi, per i terreni;
  • per gli immobili concessi in comodato gratuito (in questo caso la base imponibile è ridotta al 50%).

In tutti i casi, è importante leggere i regolamenti comunali approvati annualmente dal Consiglio Comunale.

La Tasi è una tassa locale, per pagare i servizi indivisibili del Comune. E’ dovuta da chiunque possieda o detenga qualsiasi unità immobiliare, ad esclusione dei terreni agricoli e dell’abitazione principale (in vigore dal primo gennaio 2016). La Tasi è dovuta anche dall’inquilino di un contratto di locazione in particolari casi.

Imu tasi 2018 scadenze: calcolo Imu e tasi 2018

L’Imu, l’imposta municipale sull’immobile, si paga in relazione:

  • alla rendita catastale dell’immobile o del valore dell’area fabbricabile del terreno;
  • alla percentuale del possesso dell’immobile ed alla durata del possesso;
  • all’aliquota Imu stabilita dai Comuni annualmente. Per consultare le aliquote Imu e Tasi 2018, ti consigliamo di visionare il sito del Mef.

Dopo aver ottenuto questi dati, ricavabili tramite la visura catastale del possessore o utilizzatore, la rendita catastale viene rivalutata del 5% (ossia rendita catastale + 5%) e moltiplicata per:

  • il coefficiente catastale relativo alla natura dell’immobile (160 per abitazioni);
  • l’aliquota Imu stabilita dal Comune dove è ubicato l’immobile.

Le stesse regole, valgono per il calcolo della Tasi.

Riferimenti normativi: Circolare Mef n. 3/DF del 18/05/2002, Aliquote Imu e Tasi 2018, Software per il calcolo dell’Imu e della Tasi.

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 5]

Posted byNicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento