Ferie: maturazione, calcolo e normativa

Quanti giorni di ferie spettano all’anno? Come maturano le ferie? Come si calcolano le ferie per i lavoratori dipendenti? Tutti i lavoratori dipendenti hanno diritto alle ferie, anche per il periodo di prova, e ad un riposo annuale non inferiore a quattro settimane.

Normativa sulle ferie dei dipendenti

Lo disciplina l’articolo 2109 del codice civile, il quale esplica che il lavoratore, oltre ad aver diritto al riposo settimanale, ha anche diritto:

  • “ad un periodo annuale di ferie retribuito, possibilmente continuativo, nel tempo che l’imprenditore stabilisce, tenuto conto delle esigenze dell’impresa e degli interessi del prestatore di lavoro. La durata di tale periodo è stabilita dalla legge.
    L’imprenditore deve preventivamente comunicare al prestatore di lavoro il periodo stabilito per il godimento delle ferie. Non può essere computato nelle ferie il periodo di preavviso indicato nell’articolo 2118 del c.c.”.

Quindi, è lo stesso datore di lavoro che deve comunicare per iscritto, ai lavoratori con ampio anticipo, il periodo delle ferie dell’azienda.

Come si calcolano le ferie: periodo di fruizione 

Il lavoratore, in base alle esigenze aziendali, ha diritto a due settimane di ferie consecutive durante l’anno corrente della maturazione, se richieste dallo stesso lavoratore, e le altre due settimane entro 18 mesi successivi dall’anno di maturazione delle ferie. Ad esempio se sono stato assunto il primo gennaio 2017, al primo gennaio 2018, avrò diritto, in base al contratto collettivo nazionale di riferimento per settore, a quattro settimane di ferie. In base alle esigenze del mio datore  di lavoro, potrà godermele due settimane dal due gennaio 2018 in poi e le altre due settimane potrò farle entro il 30 giugno 2019.

Le ferie sono un diritto irrinunciabili, sono pagate in costanza del rapporto di lavoro solo come ferie godute (il lavoratore deve assentarsi dal lavoro e godere di un periodo di riposo) e possono essere pagate come ferie non godute, solo ed esclusivamente alla cessazione del rapporto di lavoro, se non si è avuta la possibilità di goderne interamente.

Calcolo delle ferie: part-time e full-time

Il calcolo delle ferie viene calcolato automaticamente dai Consulenti del lavoro del tuo datore di lavoro in ogni busta paga. Le ferie maturano dalla data dell’assunzione e maturano anche nei seguenti casi:

  • nel periodo di congedo obbligato;
  • quando il lavoratore chiede un permesso per funzioni nei seggi elettorali;
  • per malattia e per infortuni sul lavoro sino al periodo massimo di comporto; (durante questi periodi, il periodo di ferie è interrotto per legge).
  • durante il congedo matrimoniale del lavoratore.
  • per permessi goduti e per permessi goduti per l’assistenza di un familiare portatore di handicap.

Al contrario, non matura in tutti gli altri casi e le ferie maturano anche quando il lavoratore lavora, in un mese, per un minimo pari o superiore a 15 giorni.

Per i lavoratori part-time come si calcolano le ferie?

Per i lavoratori part-time funziona alla stessa maniera, in quanto il rateo delle ferie, spetta solo se il lavoratore ha lavorato per intero, o per una frazione pari o superiore a 15 giorni. Il lavoratore part-time godrà delle ferie in una misura di ore inferiori rispetto alle 8 ore normali.

Vediamo insieme quanti giorni di ferie hanno diritto determinate categorie di lavoratori.

I lavoratori del commercio hanno diritto a 26 giorni. Per calcolare il rateo mensile basta dividere il numero totale dei giorni per i 12 mesi (26/12 = 2,16 giorni di ferie al mese).

I lavoratori Metalmeccanici della Piccola media impresa hanno diritto a determinati giorni di ferie in base all’anzianità di servizio:

ferie
ferie

I lavoratori che lavorano nel settore alimentare artigiano hanno diritto:

ferie
ferie

Per controllare le ferie e la loro maturazione, devi verificare mensilmente la busta paga. Le ferie sono soldini, perché se non le fai entro 18 mesi dalla maturazione e durante questo periodo vieni licenziato, hai diritto alle ferie NON godute.

Ogni busta paga deve riportare:

  • le ferie residue dell’anno precedente in ore o giorni;
  • l’indicazione delle ferie maturate in ore o giorni;
  • le ferie godute in ore o giorni.
  • le ferie totali residue in ore o giorni;

Se le ferie non sono indicate sulla busta paga, chiedi al tuo datore di lavoro di inserire tutti i valori delle ferie indicati precedentemente.

Per qualsiasi consulenza personalizzata, accedi ai nostri servizi di consulenza online. Uno staff di professionisti risolverà tutte le Tue problematiche.

Valuta l'articolo
[Totali: 9 Media: 2]

2 Commenti

  1. Lavoro presso ditta metalmeccanica dal 1979 vorrei sapere con il contratto derl 2oo7 se ho diritto della magiorazione di tre giorni dal 2008 l,accordo prevedeva che impiegati e operai sono stati equiparati uguali per le ferie . bisogna maturarle oppure e automatico rimgrazio per info eventualmente se servono piu iinformazioni avvisatemi. Arduino

    • Gentilmente indichi correttamente le date e ci dica il ccnl metalmeccanici industria o artigianato ed il suo livello. Grazie

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui