Pagamenti arretrati REI da Giugno 2018: quando arrivano le ricariche?

Finalmente dopo mesi di attesa, si stanno sbloccando i pagamenti della carta rei, per chi ha presentato il modello REI com. Nel mese scorso, l’Inps ha incominciato a sbloccare le ricariche del mese di Aprile e Maggio 2018, mentre in questo mese, sta procedendo al controllo ed alle disposizioni di pagamento dei mesi, a partire da Giugno 2018.

Carta rei arretrati da Giugno 2018

Dal 1° dicembre 2017 è entrato in vigore il reddito di inclusione REI con molte difficoltà, con due precisi requisiti:

  • il requisito familiare, soggetto al controllo da parte dei servizi sociali del Comune di residenza;
  • i requisiti economici, verificati mensilmente dall’Inps, a partire dal 1° gennaio 2018.

In seguito, a partire dal 1° giugno 2018, il REI è diventato uno strumento universale per le famiglie bisognose. Ossia, per richiedere la Carta rei, bisogna essere in possesso di pochissimi requisiti familiari (residenza di due anni e cittadinanza o il disoccupato deve essere in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo). Sino all’introduzione del reddito di cittadinanza, si potrà presentare il reddito di inclusione REI. (per info leggi il nostro articolo: Carta rei modulo di domanda dal 1° giugno 2018)

Il Rei viene pagato attraverso una carta ricaricata dalle poste, verso la fine di ogni mese. Solo la prima ricarica è già accreditata sulla carta rei. Questa misura dura 18 mesi e per chi ha già percepito il sia per 12 mesi, può richiedere il REI solo per i 6 mesi restanti.

Per presentare la domanda REI al Caf o ai Comuni, è necessario prima di tutto, richiedere il modello Isee 2018 e per i percettori dell’anno 2019, per rinnovarla, è indispensabile ripresentare a Gennaio 2019 il modello Isee 2019 precompilato.

Pagamenti carta rei arretrati: perché questi ritardi?

Molti nostri lettori, a tutt’oggi, hanno ricevuto solo la prima ricarica della carta REI Inps. Qual è il motivo di questi ritardi? Nel momento della presentazione della carta REI, molti richiedenti hanno presentato il modello REI com, in quanto la situazione lavorativa del nucleo familiare, è cambiata dal 1° gennaio 2016. Infatti durante l’invio della domanda REI, da parte dei servizi sociali, gli operatori ti avranno richiesto il tuo modello Isee 2018 e se la situazione economica-lavorativa è variata rispetto all’Isee presentato. (Ricordiamo che l’isee 2018 si riferisce ai redditi del 2016).

Al contrario, molti disoccupati, hanno presentato il modello REI COM dopo le prime ricariche Inps del 2018, in quanto anche un componente familiare ha iniziato a lavorare o ha percepito prestazioni economiche da parte dell’Inps.

Potrebbe interessarti anche  Pensione di cittadinanza 2019 a chi spetta

Quando si invia il modello REI COM, i pagamenti del REI si bloccano, in quanto l’Inps procede al ricalcolo del modello ISEE. Può succedere molto spesso di non avere più diritto al REI, in quanto si superano i valori economici dell’attestazione Isee:

  • valore della situazione economica equivalente ISEE superiore a 6000 euro;
  • Isre superiore a 3000 euro.

Come controllo lo stato della domanda REI?

Per controllare lo stato della domanda REI ed i pagamenti dell’Inps, puoi accedere al servizio online dell’Istituto previdenziale: REI (Reddito di Inclusione). Clicca su Accedi al servizio ed inserisci il codice fiscale ed il Pin dispositivo Inps o Spid. Clicca su Esito e Verifica requisiti ed in basso premi su visualizza. Potrai trovare diverse voci:

  • Controlli mensili positivi;
  • domanda in lavorazione;
  • ok lavorata;
  • KO nel caso di domanda negativa.
Pagamento rei arretrati Luglio 2018

Pagamento rei arretrati

Visualizzerai i dati necessari per fare un eventuale riesame o ricorso per la domanda REI:

  • il codice Id della tua domanda,
  • la data di presentazione
  • lo stato della domanda.

Clicca su azioni, quadri esito e vai avanti sino a visualizzare la griglia di pagamento mensile.

Pagamento carta rei arretrati Luglio 2018

Pagamento carta rei arretrati da Giugno 2018

Ogni mese vedrai sulla griglia di pagamento:

  • i mesi in pagamento,
  • l’esito dei controlli mensili positivi dell’Inps, indicati con i pollici verdi verso l’alto,
  • l’importo disposto dall’Inps (al netto di tutti i bonus Inps percepiti dal nucleo familiare e dal Comune)
  • l’invio di disposizione di pagamento da parte dell’Inps;
  • la data di rendicontazione delle poste, che corrisponde alla data di effettivo accredito della carta REI.

Per vedere il ricalcolo del REI COM, clicca sul pollice Esito Isee. Inoltre per controllare il saldo della carta acquisti Rei, puoi contattare i numeri verdi indicati nel nostro articolo: Numero verde carta REI.

Pagamenti carta rei arretrati: quando arrivano?

Quando arrivano gli arretrai sulla carta Rei, a partire dal mese di Giugno 2018, per chi ha presentato il modello REI com? I pagamenti Inps del reddito di inclusione REI, avvengono nella maggior parte dei casi a fine mese, a seguito dei controlli positivi mensili dell’Inps. Le ricariche carta rei arretrate da Giugno 2018, sono state disposte dal giorno 17/11/2018. In questo anno 2018, si dovrebbero sbloccare tutti gli arretrati non corrisposti dai disoccupati.

Ricordiamo sempre, che per ricevere correttamente gli arretrati della carta rei 2018, è indispensabile rinnovare il modello Isee 2018 correttamente, senza errori ed omissioni ed attivare il progetto personalizzato REI, obbligatoriamente, dopo 6 ricariche Inps.

Per controllare lo stato dei pagamenti rei e le date pagamento degli accrediti rei sulla carta rei, guarda il nostro mini-video:

Riferimento normativo: D.Lgs. 15 settembre 2017, n. 147 

Valuta l'articolo
[Totali: 21 Media: 3.1]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

10 Comments

  1. Molfetta Maria Beatrice 9 dicembre 2018 at 12:35

    Siamo arrivati quasi a meta dicembre ed io aspetto ancora rei da maggio come mai questi ritardi ???

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 9 dicembre 2018 at 23:27

      Controlli la sua griglia di pagamento sul servizio online dell’Inps Rei reddito di inclusione e si
      Faccia avere una spiegazione valida dalla sua sede INPS.

      Rispondi

  2. Gian Mario Leone 27 novembre 2018 at 10:21

    Attendo i pagamenti del rei dei mesi di agosto, settembre,ottobre e novembre ma i pagamenti avvengono in un unico pagamento o mese per mese.Attendo risposta.Grazie

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 27 novembre 2018 at 14:05

      I pagamenti del Rei avvengono dopo il controllo delle mensilità da parte dell’Inps. Se si parla degli arretrati le date sono vicine.

      Rispondi

  3. Buongiorno
    lo stato della mia domanda dopo la presentazione del reicom a giugno per un lavoro di soli due mesi è ancora in lavorazione.
    Come posso fare
    a nulla servono i solleciti su Inps risponde

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 24 novembre 2018 at 10:52

      Le domande REI del mese di giugno 2018 è in lavorazione dal mese scorso. Se vuole può fare un sollecito con Inps risponde online: https://insindacabili.it/inps-risponde-online/

      Rispondi

  4. Ciao. Io ho presentato domanda con reicom il 20 marzo 2018 e ad oggi la domanda risulta ancora in attesa reicom e il reicom risulta in lavorazione ancora. Qui dice che hanno sbloccato maggio e giugno. Io l ho presentata a marzo. Quando me la dovrebbero sbloccare? Stamattina sono stata all inps della mia zona e mi hanno detto che a me non mi dovrebbe nemmeno spettare siccome c e stata una situazione lavorativa.

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 23 novembre 2018 at 19:19

      Se l’Inps le ha detto così, controlli il ricalcolo del REI com e se rientra nei requisiti economici della domanda REI

      Rispondi

  5. salve domanda rei presentata il 1 dicembre 2017 e stata accolta a ottobre, con pagamento gennaio e febbraio , gli arretrati quando li pagneranno grazie

    Rispondi

    1. Stefano Mastrangelo 23 novembre 2018 at 18:28

      Dovrebbero pagarli entro la fine del 2018

      Cordialità

      Rispondi

Invia il tuo Commento