Articolo aggiornato il 14 Settembre 2020 da Stefano Mastrangelo

Pensioni di invalidità quando arriva l’aumento?

La sentenza della Corte Costituzione ed il decreto Legge di agosto 2020, hanno previsto l’aumento degli importi degli assegni degli invalidi civile, sino ad 651,50 euro. La decorrenza dell’incremento avverrà a partire dal 20 Luglio 2020.

Tutti sono in attesa della Circolare Inps, per la definizioni degli importi spettanti e dei limiti previsti dalla Legge. Alcune associazioni nazionali degli invalidi civili, hanno creato un modulo di domanda, per velocizzare la procedura di pagamento, anche se sarà solo l’Inps a definire le modalità.

Il pagamento dei nuovi importi non sarà immediato, perché l’Istituto per erogare l’aumento della pensione di invalidità civile, avrà bisogno di controllare:

  • il possesso della percentuale di invalidità accertata dalla Commissione medica invalidi civili, pari al 100%, inabile totale, rinnovata alla scadenza,
  • il possesso dei redditi, inferiori ai limiti previsti per l’anno 2020.

Chi ha diritto all’aumento?

L’incremento dell’importo delle pensioni invalidi civili spetta:

  • ai soggetti con un’età compresa tra i 18 anni e 59 anni, con una percentuale di invalidità, accertata dalla commissione medica degli invalidi civili, pari al 100%
  • ai titolari di pensione di inabilità, con un’età compresa tra i 18 anni e 59 anni, già percettori dell’integrazione del trattamento minimo,
  • ai sordomuti,
  • i ciechi civili assoluti, titolari di pensione,

con determinati limiti di reddito:

  • 5.977,79 euro di reddito annuo individuale per ricevere l’incremento pieno,
  • 8469,63 euro di reddito anno individuale per l’incremento parziale,
  • 11955,58 euro di reddito anno coniugale, per ricevere l’incremento pieno,
  • 14.447,42 euro di reddito annuo coniugale, per ricevere l’importo parziale.

Il tutto verrà confermato da una circolare dell’Inps.

Cosa fare per ricevere l’aumento della pensione invalidi civili?

Per ricevere l’aumento della pensione gli invalidi civili, il beneficiario deve controllare:

  1. la scadenza della revisione del verbale di invalidità (indicato sull’ultimo verbale ricevuto,
  2. di essere in possesso dei verbali di invalidità (consultabili nella cassetta postale del cittadino con le credenziali Inps),
  3. aver dichiarato ogni anno, i redditi o la mancanza di redditi, attraverso il modello RED, ICLAV. Dal 6 Agosto 2020 è possibile dichiarare i redditi dell’anno 2019 con il modello Red online e l’ICLAV telematico.

Infatti, nella maggior parte dei casi, sarà l’Inps a predisporre un’eventuale modulo di domanda, solo telematico, per l’incremento della pensione invalidità civile. Quello che vorrà sapere l’Istituto, sono i redditi conseguiti dell’anno 2020 con la domanda telematica, denominata: Ricostituzione per motivi dei redditi, indicando anche i redditi dell’anno 2020. A questa domanda, eventualmente bisognerà allegare il verbale di invalidità in corso di validità.

Per l’ufficialità di questa procedura, bisognerà attendere la circolare esplicativa dell’Inps.

Leggi gli ultimi articoli pubblicati sul nostro sito:

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui