Articolo aggiornato il 7 Agosto 2021 da Stefano Mastrangelo

Voucher per le famiglie e per le imprese

Da Agosto del 2020, il Ministro dello Sviluppo Economico, ha firmato il Piano Voucher per le famiglie, al fine di aumentare la connettività a internet di circa 2 milioni di famiglie, con un Fondo di 200 milioni di euro.

Chi può richiedere il voucher Pc e connessione internet?

A partire dal mese di Settembre 2020, le famiglie con un Isee inferiore a 20.000 euro, possono richiedere un contributo di 500 euro per:

  1. il pagamento di una connessione a internet a banda ultra-larga,
  2. per il comodato d’uso di tablet o PC.

L’importo del bonus PC e tablet, varia secondo il valore Isee del nucleo familiare:

  • spettano 500 euro, ripartiti in 200 euro per la connettività ad internet e 300 euro per Tablet o PC in comodato d’uso, alle famiglie con isee inferiore a 20.000 euro,
  • 200 euro per la connettività ad almeno 30 Mbps, per tutte le tecnologie, alle famiglie con un valore Isee inferiore a 50.000 euro.

Anche le imprese potranno usufruire dell’agevolazione, richiedendo un bonus da 500 euro ai 2000 euro, per la digitalizzazione.

Gli importi dei voucher per le imprese sono di:

  • 500 euro per la connettività ad almeno 30 Mbps, per tutte le tecnologie.
  • 2.000 euro per la connettività fibra.

La Fase 1 relativa alla richiesta del Bonus Interent da 500 euro andrà aventi sino ad Ottobre 2021 e con molta probabilità (con date ancora da confermare) si darà il via ad una nuova Fase 2.

Bonus 500 euro computer e internet: come richiederlo?

Per richiedere il Bonus PC e connettività internet, in un primo momento era necessario registrarsi sul sito di https://www.infratelitalia.it/. In un comunicato del 2 Settembre 2020, Infratel ha poi precisato che:

per l’attivazione di servizi a banda ultralarga e la fornitura di pc alle famiglie meno abbienti, la registrazione sul portale, sarà attivata dagli operatori di telecomunicazioni. Gli utenti finali (i cittadini), beneficiari del voucher dovranno interfacciarsi direttamente con gli operatori (che si saranno preventivamente registrati al portale) utilizzando i consueti canali di vendita.

In una prima fase saranno gestite le domande dei voucher delle famiglie, con un Isee inferiore a 20.000. Al termine della consultazione pubblica della Commissione europea, si partirà anche all’erogazione della famiglie con Isee inferiore a 50.000 euro.

Quindi i nuclei familiari devono essere in possesso di un Isee in corso di validità e delle credenziali SPID, necessarie per registrarsi sul sito di Infratel.

Per accedere al voucher da 500 euro è necessario richiedere alcune offerte compatibili con il bonus, presentate da operatori che hanno ricevuto l’accredito da Infratel Italia per la partecipazione all’iniziativa.

Leggi gli ultimi articoli pubblicati sul nostro sito:

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui