Pagamenti sulla carta Rei a Gennaio 2020

Quando arrivano le ricariche sulla carta rei a Gennaio 2020? Tutti i beneficiari del Reddito di inclusione REI, per ricevere le ricariche da Gennaio 2020 e non più da Febbraio 2020, devono aggiornare correttamente il modello Isee 2020, entro il 31 Gennaio 2020.

Il REI è stato completamente eliminato e sostituito dal Reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza. Per questo da Gennaio 2020, non è cambiato nulla, non si potranno né fare nuove domande e né rinnovarle alla scadenza.

Ricarica REI di Gennaio 2020: quando arriva?

Il pagamento della carta Rei di Gennaio 2020, spetta a tutti i percettori del Reddito di inclusione, che non hanno presentato la domanda Reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza, entro il 31 Dicembre 2019.

Quindi se sono percettore di REI nel mese di Dicembre 2019 ed ho inoltrato la domanda reddito di cittadinanza entro la fine di Dicembre 2019, nel caso accoglimento della domanda, non riceverò più la ricarica REI a partire dal mese di Gennaio 2020. In questo caso, spetta solo la ricarica REI di Dicembre 2019, che verrà pagata entro 30/45 giorni dalla lavorazione mensile.

Dal 1° Marzo 2019, non è più possibile inviare la domanda Reddito di inclusione ed alla scadenza dei 18 mesi della REI, non è possibile rinnovarla. Il Rei dura 18 mesi e per chi ha presentato la domanda entro il 28 febbraio 2019, è meglio controllare la durata sulla lettera di accoglimento della REI.

Carta REI pagamenti a Gennaio 2020: ricarica in ritardo?

Il pagamento della ricarica sulla carta REI di Gennaio 2020 da pare delle poste, avverrà dopo la ricarica Reddito di cittadinanza e Pensione di cittadinanza e probabilmente il giorno 28/29 Gennaio 2020, anche senza l’immediato rinnovo del modello Isee 2020 (come è avvenuto anche a Gennaio 2019). Aggiornamento al 17 Gennaio 2020: Il Messaggio n. 161 n. 17 Gennaio 2020, prevedendo il nuovo importo di limite massimo del REI, pari a 6575,56 euro, ha slittato e cambiato i termini di pagamento del REI di gennaio 2020. Infatti il messaggio dice che l’elaborazione della mensilità di gennaio 2020 del ReI avverrà, entro il termine dello stesso mese solare, sulla base della nuova dichiarazione Isee 2020.

Quindi i pagamenti del REI di Gennaio 2020 avverranno solo dopo l’acquisizione del nuovo modello Isee 2020. Un vero caos per i contribuenti e per i caf.

Per chi invierà il modello Isee 2020 entro il 31 Gennaio 2020, la ricarica di Febbraio 2020, sarà effettuata regolarmente senza nessun ritardo.

Per conoscere tutte le date di pagamento della ricarica REI dell’anno 2020, bisogna verificare le movimentazioni della ricarica carta REI, sul servizio online Inps: REI Reddito di inclusione, seguendo le istruzioni del nostro video Carta REI Pagamenti.

Per controllare il Saldo della Carta Rei di Gennaio 2020, è necessario contattare, dopo la data di disposizione Inps, il:

  • numero verde Carta REI Inps: 800.666.888 da telefono fisso,
  • o il numero 199.100.888 da telefono cellulare a pagamento,
  • oppure registrarsi sul sito delle poste.it o scaricare l’App delle poste.

Inoltre è possibile chiamare gratuitamente il numero verde 800.130.640, dal numero di cellulare registrato, per ricevere un messaggio, che comunicherà immediatamente il saldo disponibile sulla Carta REI.

Per verificare le date dei pagamenti del Reddito di inclusione REI 2020, è indispensabile leggere il nostro articolo: Date di pagamento REI 2020 Inps.

Cosa fare per ricevere le ricariche REI da Gennaio 2020?

I pagamenti del Reddito di inclusione REI, si riceveranno, sino al mese di presentazione della domanda Reddito di cittadinanza. Invece per chi non ha inviato nessuna istanza online Rdc o Pdc, continuerà a percepire la REI, sino alla sua durata prevista inizialmente. Ricordiamo che non si può più rinnovare la domanda REI.

Per continuare a ricevere tutti i pagamenti del Reddito di inclusione REI, anche nel 2020:

  • bisogna aggiornare il modello Isee 2020, correttamente senza errori o omissioni ed eventualmente ripresentare il modello Isee corrente, dopo la presentazione dell’Isee 2020 ordinario,
  • accettare di svolgere lavori di utilità sociale previsti dal progetto e non rifiutare proposte lavorative dai servizi sociali del Comune,
  • inviare il modello Rdc – com, nel caso di variazione reddituali di uno o più componenti familiari o all’inizio nel 2020, per comunicare il reddito presunto.

Al termine dei pagamenti delle ricariche, è facoltativo consegnare alla posta la carta prepagata.

Riferimento normativo: D.Lgs. 15 settembre 2017, n. 147 

Consulenza Online
Per tutte le problematiche della misura REI Reddito di inclusione, accedi ai nostri servizi di consulenza online.

1 commento

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui