Come richiedere arretrati bonus Renzi di 960 euro

Diversi nostri lettori si stanno chiedendo in queste ore, dopo l’attivazione web del 730 precompilato 2018, come recuperare il bonus Renzi di 960 euro dell’anno 2017 sulla dichiarazione dei redditi 2018. Il bonus di 80 euro mensili, viene riconosciuto ai lavoratori dipendenti, ai percettori di Naspi e a chi ha presentato la domanda Ape sociale. Tutti questi soggetti devono avere determinati requisiti per ricevere il bonus Renzi.

Bonus Renzi come funziona

Il bonus Renzi è una somma riconosciuta ai lavoratori dipendenti ed ai disoccupati percettori di Naspi pari ad 80,00 euro mensili, che nell’anno, superano i limiti di reddito complessivi previsti dal decreto legge n. 66 del 2014. Come abbiamo già detto, il bonus viene corrisposto in busta paga ai lavoratori che, in base al reddito di lavoro presunto dell’anno in corso (in questo caso il 2018) determinato dai consulenti del lavoro dell’azienda, superano 8174,00 euro nell’anno fino ad un massimo di 26.600. (incremento previsto dalla legge di bilancio 2018).

Invece, per quanto riguarda i disoccupati percettori dell’indennità Naspi, è lo stesso Istituto previdenziale che calcola, in base all’indennità prevista nell’anno in corso (quest’anno si prenderanno i pagamenti della disoccupazione 2018), il bonus di 80 euro.

Bonus irpef di 960 euro come si recupera

Se non hai percepito nella busta paga o dalla disoccupazione Naspi il bonus Renzi per un totale di 960 euro annuali, puoi recuperarli sul modello 730 o modello dei redditi persone fisiche dell’anno successivo. Per quest’anno, anno 2018, potrai recuperare ed incassare il bonus di 80 euro mensili, direttamente sulla dichiarazione precompilata 2018, con riferimento al periodo di imposta 2017.

Per recuperarlo devi solo compilare la dichiarazione precompilata e verificare il prospetto di liquidazione al rigo 66 – 67. Nel rigo 66, è riportato il Bonus Irpef spettante, nel rigo 67 visualizzerai il bonus Irpef riconosciuto come rimborso sulla dichiarazione e nel rigo 67 sarà indicato il bonus irpef non spettante e da restituire.

Bonus renzi su 730

Bonus renzi su 730

Bonus di 80 euro mensili come viene calcolato

Il bonus irpef viene calcolato dal Consulente del Lavoro del datore di lavoro e dall’Inps. Non è un costo per il datore di lavoro, il quale porterà a detrazione sul modello f24 del mese successivo, tutti i bonus Renzi corrisposti ai lavoratori. Per controllare l’esatto ammontare del bonus Renzi, ti consigliamo di verificare la certificazione unica 2018 al riquadro 391 – 392. Nell’esempio è stato riconosciuto un bonus di 870,58 sulla disoccupazione Naspi.

Bonus renzi su 730 2018

Bonus Renzi su 730 2018

Per calcolare il bonus Renzi, bisogna dividere 960 per 365 (2,63). Tale importo bisogna moltiplicarlo per i giorni di detrazione da lavoro dipendente indicati nella certificazione unica 2018. Se il disoccupato dell’esempio, ha dei giorni di detrazioni pari a 365 e supera 8150 di reddito complessivo nell’anno 2017, recupererà sul 730 un importo pari a 89 euro.

Leggi anche  Cartelle Agenzia delle Entrate rimandate a settembre

Bonus Renzi come si rinuncia

Nel caso in cui sei incerto sul superamento del requisito reddituale per aver diritto al bonus, ti consigliamo di revocarlo tramite:

  • il modello di detrazioni d’imposta 2018, con il quale indicherai la rinuncia del bonus ai sensi del D.L. 66/2014;
  • la procedura Inps indicata analiticamente nel nostro articolo cliccando qui.

Bonus Renzi per colf e badanti

Le colf e le badanti possono recuperare il bonus di 960 euro, solo facendo la dichiarazione dei redditi 2018. Posso inviare o il modello 730 2018 senza sostituto d’imposta o il modello dei redditi persone fisiche 2018. Se il Caf invia il modello 730 senza sostituto, il rimborso è più veloce e viene liquidato entro il mese di dicembre del corrente anno, solo se le lavoratrici domestiche comunicano le coordinante bancarie alla sede locale dell’Agenzia delle Entrate. Altrimenti se si sceglie di inviare il modello dei redditi persone fisiche, il rimborso si riceverà dopo due anni.

Per ricevere il rimborso devi superare l’importo di reddito di euro 8150,00 per 365 giorni lavorati nell’anno 2017. La dichiarazione, può essere presentata ad un Caf o ad un professionista abilitato, consegnando la certificazione unica 2018 (ex Cud 2018) ed i documenti elencati nel nostro articolo: documenti 730 anno 2018.

Consulenza del team di insindacabili.it

Se vuoi una consulenza personalizzata, clicca sulla nostra area dedicata di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 8 Media: 3.9]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

4 Comments

  1. miriam fantetti 20 luglio 2018 at 12:37

    Buongiorno, a mia figlia che ha un lavoro job on call, hanno detto che il BONUS RENZI glielo daranno a fine anno e non mensilmente…. è corretto? l’anno scorso hanno fatto la stessa cosa ma il CAF mi disse che avrebbero dovuto pagarglielo mensilmente…. Pur non raggiungendo gli 8.000 € ne ha diritto perchè ogni mese gli applicano l’aliquota irpef, io pensavo che avremmo dovuto restituire quelli del 2017 ed invece il CAF ha confermato che le spettano, perchè pur essendo al di sotto della soglia degli 8.000 € il suo stipendio non è esentato dal pagamento delle tasse e dal versamento dei contributi. E’ corretto? come posso fare per obbligare il datore di lavoro a pagargli mensilmente il bonus?

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 21 luglio 2018 at 12:49

      Attenzione a percepire il bonus Renzi se il reddito è inferiore ad 8000 euro. Se non supera 8174 euro nell’anno 2018 non ha diritto al bonus Renzi per il 2018.

      Rispondi

  2. Ciao, articolo interessante.
    La consulente che mi ha seguito dice che per avere il rimborso mi arriverà una PEC o una comunicazione via posta. Dopo quanto tempo dell’effettuazione delle pratiche viene fatto il rimborso e in che modo (bonifico, assegno)?

    Grazie,
    un salut
    Fabio

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 1 luglio 2018 at 15:10

      Se ha fatto il modello 730 senza sostituto le arriverà il rimborso sul conto corrente dopo il 20 dicembre 2018 oppure le sarà notificato a casa un mandato di pagamento, sempre nello stesso periodo.

      Rispondi

Invia il tuo Commento