Articolo aggiornato il 19 Febbraio 2020 da Nicola Di Masi

Come mai non ho ricevuto il pagamento della Naspi?

Perché la disoccupazione Naspi è bloccata? Molti utenti ci chiedono, dopo aver inserito la data dei pagamenti della Naspi, perché non ricevono la disoccupazione oppure perché l’Inps ha pagato pochi giorni. In questo articolo cerchiamo di spiegare le diverse motivazioni.

Ricordiamo che ogni disoccupato deve controllare singolarmente la data di disponibilità della disoccupazione Naspi. Infatti per visualizzare la data di pagamento della disoccupazione, è necessario dotarsi delle credenziali Inps, per accedere ai servizi online dell’Inps: Pin Inps, Spid carta nazionale dei servizi o carta di identità elettronica.

Primi pagamenti della disoccupazione Naspi: esempi

Per ricevere l’accoglimento della disoccupazione Naspi, il disoccupato o il patronato, deve allegare alla domanda online, il modello Sr163 compilato correttamente, firmato e datato dal richiedente con il documento di identità. La scansione deve essere anche leggibile, per verificare il codice Iban inserito.

Dopo l’invio della domanda, il disoccupato deve attendere 30 giorni per l’esito della disoccupazione. Se la domanda è accolta deve controllare sulla lettera di accoglimento scaricabile sul servizio online Inps cassetta postale:

  • la decorrenza delle Naspi (ossia da quando parte)
  • i giorni spettanti, (sono 28/29 totali nel mese di Febbraio e 30 in tutti gli altri mesi)
  • la retribuzione imponibile per il calcolo dell’importo.

In seguito riceverà i primi pagamenti dimezzati. Perché mi hanno pagato pochi giorni di Naspi?

I primi pagamenti della Naspi sono frazionati, in base alla decorrenza della disoccupazione. Se la disoccupazione parte:

  • dal 1° al 15 del mese, il primo pagamento è pagato dalla data di partenza sino al 15 del mese,
  • dal 16 al 31, il primo pagamento è corrisposto, dalla data di decorrenza della Naspi sino al 31.

Quindi se i pagamenti della disoccupazione avvengono in questo modo, non c’è nessuno tipo di problematica. Dal mese successivo o al massimo dal terzo pagamento, la disoccupazione verrà pagata per intero.

Decorrenza Naspi il 22 Dicembre 2019. Primo pagamento dal 22 al 31, totale 10 giorni.

Esempio pagamento primi giorni Naspi
Esempio pagamento primi giorni Naspi

La Disoccupazione è finita cosa fare? Esempio di Blocco Naspi

Perché mi hanno bloccato la disoccupazione Inps? Prima degli ultimi 30 giorni della Naspi, l’Inps blocca l’indennità economica, esattamente un mese prima dalla scadenza. Ad esempio il disoccupato nell’esempio, ha ricevuto solo 567 euro, perché l’Inps ha bloccato la Naspi.

Infatti nelle note, l’Istituto ha indicato il periodo di pagamento (01/01/2020 al 19/01/2020). Questo vuole dire che la naspi è finita ed al disoccupato spettano altri 30 giorni, oppure il 20 Gennaio 2020, il richiedente è stato assunto come lavoratore subordinato.

Perché la Naspi è bloccata?
Perché la Naspi è bloccata?

In questo caso è consigliabile inviare online il modello Naspi com, chiedendo il pagamento degli ultimi 30 giorni delle Naspi. Questo modello non è obbligatorio. E’ lo stesso operatore Inps che deve chiudere la pratica, senza alcuna comunicazione.

Dopo l’invio del modello Naspi com, entro 60 giorni, il disoccupato riceverà il pagamento. Se questo modello non basta per avvisare l’Inps di chiudere la pratica, bisogna fare un sollecito tramite Inps risponde.

Sospensione naspi per mancata comunicazione dei redditi previsti

Entro il 31 Gennaio di ogni anno, all’inizio di ogni anno di corresponsione della disoccupazione Naspi successivo al primo, il disoccupato, deve inviare tramite il modello Naspi com, una nuova comunicazione del reddito presunto dell’anno in corso. Questo solo, nei casi di svolgimento delle attività lavorative autonome, parasubordinate, subordinate, occasionali in concomitanza di percezione dell’indennità NASpI, qualora quest’ultima coinvolga più anni solari.

Di regola è l’Inps che dovrebbe sollecitare il disoccupato ad inviare il Reddito presunto. Infatti al punto 2.11 della Circolare n. 94 del 2015, l’Inps esplica che sarà cura delle strutture territoriali dell’Istituto sollecitare l’adempimento al percettore di naspi che non vi abbia provveduto.

Però volte l’Inps non lo fa. Per questo consigliamo di controllare attentamente la situazione ogni anno, entro il 31 Gennaio e comunicare il reddito anche a zero.

Inoltre l’Inps aggiunge, che la mancata comunicazione del reddito per gli anni di prestazione successivi al primo non determina tuttavia la decadenza dalla prestazione, ma la sua sospensione fino all’acquisizione della nuova comunicazione.

In particolare il lavoratore autonomo, esentato dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi è tenuto a presentare all’INPS un’apposita autodichiarazione concernente il reddito ricavato dall’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale, entro il 31 marzo dell’anno successivo

Decadenza Naspi per mancanza comunicazione redditi presunti

Il disoccupato perde la disoccupazione Naspi, ai sensi della Circolare n. 94 del 12/05/2015, dal momento in cui si verificano determinate situazioni:

  1. perdita dello stato di disoccupazione, quando supera ad esempio il limite di reddito di 8000 euro,
  2. inizio di un’attività lavorativa subordinata senza provvedere alle comunicazioni del reddito annuo previsto,
  3. inizio di un’attività lavorativa in forma autonoma, senza provvedere alla comunicazione di cui all’articolo 10 del dlgs 4 marzo 2015 n. 22: “Il lavoratore esentato dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi è tenuto a presentare all’INPS un’apposita autodichiarazione concernente il reddito ricavato dall’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale entro il 31 marzo dell’anno successivo”;
  4. raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato;
  5. acquisizione del diritto all’assegno ordinario di invalidità, sempre che il lavoratore non opti per la disoccupazione naspi;
  6. violazione delle regole di condizionalità di cui all’art. 7 del DLgs 4 marzo 2015 n. 22 ed all’art. 4, co. 41 e co.42 della legge 28 giugno 2012 n. 92.

La decadenza della disoccupazione avverrà dal momento in cui si verifica l’evento che la determina, con l’obbligo di restituire l’indennità economica che si è continuato a percepire oltre la data da quando si è verificato l’evento.

Quindi le date da non dimenticare per ricevere correttamente la Naspi sono:

  • 31 gennaio,
  • 31 marzo,
  • ultimi 30 giorni dalle Naspi,
  • entro 30 giorni dalla inizio di una nuova attività lavorativa.

Se non si riceve la Naspi, è importante sollecitarla tramite l’invio di un quesito con il servizio online Inps risponde online.

Consulenza Online da Insindacabili.it
Hai bisogno di una Consulenza? Visita la nostra Area dedicata! I nostri professionisti ti attendono online, per aiutarti a risolvere le tue problematiche fiscali e previdenziali.

14 Commenti

  1. Buongiorno, ho fatto domanda naspi in data 2 agosto 2019 per la durata di 687 gg se non ricordo male, ed è stata accolta. Primo pagamento ottobre 2019.
    Da 11 maggio 2020 al 31 agosto 2020 vengo assunta con contratto stagionale tempo determinato. Faccio tutte le comunicazioni del caso con mod. naspi com. La naspi si blocca e riparte i primi di settembre.
    Per tutto il mese di settembre, e solo a settembre, lavoro con prestazione occasionale. Al patronato mi dicono che vista la durata e l’importo (780euro) della prestazione, non è necessario fare altre comunicazioni. Mi confermate che la naspi non verrà bloccata o sospesa ? grazie.

      • Ma perchè al patronato non mi hanno detto niente ? l’inps blocca senza chiedere niente.. e uno come fa a saperlo io dico?!?
        Se faccio adesso naspi.com reddito effettivo ? può servire a sbloccare? quale importo devo mettere ? lordo o netto ? grazie

  2. Salve ho fatto domanda naspi il primo marzo e ancora oggi mi dicono che è in lavorazione….quanto tempo vi vorrà ancora ? O si è bloccato tutto per via dell emergenza?graxie

  3. buon pomeriggio mi è stato tolto il pagamento naspi di febbraio e marzo…i potete dire bene che cosa devo fare…ovviamente telematicamente visto che non si può uscire da casa…altrimenti aspetto che tutto questo finisce.
    grazie in anticipo

  4. Salve ho ricevuto ieri un sms da InpsInforma (dopo non so quante richieste a InpsRisponde e chiamate al contact center) in cui mi si diceva che non risultano pervenuti i redditi effettivi 2019 e quelli presunti 2020.
    io ho inviato naspi-com ( molti giorni prima del suddetto sms ) sui redditi da lavoro autonomo pari a zero sia per l’anno in corso che per il 2019… è questo quello che mi si richiedeva? e che non gli risulta?
    InpsRisponde …non risponde…
    il contact center trovava strano che dovessi fare sta cosa visto che non ho e non ho mai avuto la partita iva e nessun lavoro autonomo… mi hanno detto di aspettare fino a metà marzo per i pagamenti…
    Non capisco perché InpsInforma, InpsRisponde e il contact center inps e di conseguenza l’ INPS non abbiano le stesse informazioni sulla stessa pratica Naspi?

    Cordiali saluti
    Federico

  5. Buongiorno sono Paola, ho già scritto altri giorni fa… Questa mattina ho chuamato il numero verde… Mi hanno detto che l liz naspu è bloccata perché nn ho comunicato a gennaio il reddito a zero della mia vecchia partita iva chiusa nel 2015…. Ve rendete conto.. Oggi nn posso. Domani vado subuto al patronato…. Se sapete qualcosa che devo fare ditemi un consuglio per favore… Grazie

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui