Tfr non pagato: come recuperare la liquidazione dall’azienda?

Il trattamento di fine rapporto è regolato dall’articolo 2120 del codice civile. Spetta a tutti i lavoratori dipendenti pubblici e privati in caso di cessazione del rapporto di lavoro, sia in caso di dimissioni e sia in caso di licenziamento. Che succede quando il datore di lavoro o l’Ente non paga il tfr al dipendente?

Tfr non pagato: la normativa

La liquidazione o il trattamento di fine rapporto è disciplinato dalla legge 297 del 1982 e dal decreto legislativo 5 dicembre 2005 n.252.

L’ultima normativa ha voluto far aderire dal 1° gennaio 2017, i lavoratori pubblici e privati, alla cosiddetta previdenza complementare, per  integrare l’importo della pensione di vecchia o anticipata. Infatti, a partire dal 2007, i lavoratori dipendenti devono fare una scelta per la destinazione del trattamento di fine rapporto, attraverso la compilazione di un modulo tfr consegnato dal datore di lavoro al momento dell’assunzione. Il prestatore di lavoro ha due scelte:

  • lasciare il trattamento di fine rapporto presso l’azienda;
  • oppure destinare l’accantonamento mensile del tfr ad un fondo aziendale, previsto dai contratti collettivi o ad una società di gestione del risparmio, gestita da banche o da un’assicurazioni. In questo caso, il datore di lavoro, verserà mensilmente una quota mensile al fondo scelto dal lavoratore.

Mancato pagamento del tfr: come fare per recuperarlo?

Il trattamento di fine rapporto viene accantonato dall’azienda ogni anno e rivalutato al 31 dicembre. In effetti, però, questo vero salvadanaio, per le piccole imprese, molte volte non esiste. Il datore di lavoro non mette da parte le somme della liquidazione spettante al lavoratore, oppure molte volte non versa al fondo scelto dal dipendente. In caso di licenziamento o dimissioni, come recuperare il tfr non pagato? La primissima cosa da fare è controllare l’importo del tfr accantonato. Se avete l’ultima busta paga, con l’indicazione esatta dell’importo del tfr, avete già risolto un grosso problema per il vostro legale. Altrimenti controllare l’ultima certificazione unica in possesso e sommate l’accantonamento tfr indicato sulle buste pagate dal 1° gennaio siano alla data di licenziamento o dimissioni. La somma accantonata e rivalutata (sino all’anno precedente), viene riportata all’interno della certificazione unica dei redditi (ex cud)

TFR trattamento di fine rapporto
TFR trattamento di fine rapporto

In particolare, ai fine del calcolo del tfr, vengono considerati tutti emolumenti retributivi erogati abitualmente o almeno in modo ricorrente. La somma costituisce l’ammontare imponibile del trattamento di fine rapporto, di regola consultabile in ogni busta paga. Alla fine dell’anno si sommano tutte le retribuzioni imponibili ai fini del trattamento di fine rapporto e si dividono per 13,5.

A chi rivolgersi se non mi pagano il Tfr?

Il trattamento di fine rapporto, secondo l’art. 2120 del codice civile, è erogabile in anticipo, con almeno 8 anni di servizio e un importo non superiore al 70%. La stessa liquidazione è pagata dal datore di lavoro, alla cessazione del rapporto di lavoro, sia per dimissioni e sia per licenziamento o alle condizioni previste dal regolamento del fondo di previdenza complementare. Il datore di lavoro dovrebbe pagare, di regola, entro massimo 60 giorni dalla risoluzione del rapporto di lavoro, ma in molti casi ritarda o non da indicazioni precise della data di pagamento del tfr. In questi casi, ossia quando l’azienda non paga il trattamento di fine rapporto, potreste:

  • chiedere chiarimenti verbali al datore di lavoro o all’ufficio personale dell’azienda;
  • diffidare il datore di lavoro o l’amministratore delegato dell’azienda, scrivendo una lettera di diffida con raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite pec, nella quale si chiede il pagamento del tfr entro un numero di giorni;
  • chiamare l’azienda in via conciliativa alla Direzione provinciale del lavoro (ex Ispettorato del lavoro); in questo caso basta scrivere una lettera sia al datore di lavoro ed alla direzione provinciale del lavoro, nel quale si esplica il tentativo di conciliazione con l’azienda, per la corresponsione del tfr;
  • ricorrere ad un ufficio legale, facendo un ricorso per decreto ingiuntivo tfr; in questo caso è importante comprovare l’importo del tfr con le certificazioni uniche dei redditi degli anni di assunzione sino alla data di risoluzione del rapporto (ex cud) e le buste paga.
  • recuperare il tfr dall’Inps non pagato, direttamente al fondo di garanzia Inps.
Potrebbe interessarti anche  Come annullare il 730 precompilato inviato

Come richiedere il tfr non pagato all’Inps?

Se il datore di lavoro non paga il trattamento di fine rapporto, al termine del rapporto di lavoro sia a tempo determinato che a tempo determinato, vi consigliamo di adottare le misure precedentemente indicate. Se l’azienda si trova in una situazione di crisi economica (non è soggetto alle diverse procedure concorsuali) o quando si è accertato nella fase di un procedimento concorsuale (come il fallimento) lo stato di insolvenza del datore di lavoro, il dipendente potrebbe accedere al fondo di garanzia Inps istituito con l’articolo 2, legge 29 maggio 1982, n. 297. In questo caso vi consigliamo di rivolgervi immediatamente ad un ufficio legale esperto in tematiche lavoristiche per procedere all’accertamento del credito Tfr in sede giudiziale. In seguito l’Inps Vi invierà una lettera, presso la cassetta postale online Inps, per informarvi sull’accoglimento della domanda, sull’importo e sulle modalità di pagamento scelte.

Tfr non pagato: quanto tempo ho per non perderlo?

Secondo l’art. 2948 del codice civile, il trattamento di fine rapporto si prescrive in 5 anni, se non si interrompe prima con una richiesta per iscritto da parte del prestatore di lavoro. La prescrizione invece è di 10 anni, quando al lavoratore è stato riconosciuto l’importo del tfr da sentenza passata in giudicato.

Ricordiamo che la buona uscita o il tfr dei dipendenti pubblici, viene pagato intregralmente dopo due anni dalla data di cessazione di servizio.

Consulenza del Team di insindacabili.it

Se vuoi ricevere una Consulenza online tecnica e professionale dal nostro Team di Esperti, visita la nostra area dedicata.

Valuta l'articolo
[Totali: 9 Media: 2.7]

Dona il tuo 5x1000 a Insindacabili

4 Commenti

  1. Buonasera, ho fatto la domanda, tramite pin dispositivo online, al fondo di garanzia richiedendo il trf e le ultime 3 mensilità a causa del fallimento di un’azienda presso la quale ho lavorato. Ho allegato tutta la documentazione tra cui l’ammissione allo stato passivo rilasciata dal Tribunale e il modello rilasciato dal curatore. A distanza di oltre 60 giorni non ho avuto alcuna risposta dall’inps, se non una mail nella quale mi scrivono che il questo mese stanno lavorando le domande pervenute nel mese di aprile 2018… Ma per legge l’inps non dovrebbe pagare in 60 giorni?

  2. Buona serata Di Masi sono Nicola nel 2013 la ditta dove lavoravo è stata chiusa x motivi giudiziarii e non ho percepito il TFR ,ho un legale ma non a fatto ancora niente.Mi dici x favore cosa devo fare.Considera che questa ditta a cambiato nome ben 4 volte, è noi eravamo soci lavoratori.

    • Il legale avrebbe dovuto fare la richiesta del TFR al fondo di garanzia Inps, entro un anno dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.

Se ci sono dei commenti, troverai già la risposta al tuo quesito - Leggi prima di commentare ;)