Naspi over 50: requisiti, importi e durata

Naspi over 50 – A cosa hanno diritto i lavoratori over 50enni, che hanno perso involontariamente il posto di lavoro? Hanno diritto alla Naspi e quali sono i requisiti, gli importi e la durata rispetto agli altri lavoratori?

Vediamolo in questo articolo.

I lavoratori over 50 hanno diritto alla disoccupazione Naspi?

La disoccupazione Naspi è una prestazione a sostegno del reddito per chi ha perso involontariamente il lavoro. La disoccupazione Naspi spetta: La 

  • gli apprendisti;
  • ai soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato;
  • al personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;
  • ai dipendenti con contratto a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni.

Questi lavoratori, per aver diritto alla disoccupazione, devono essere stati licenziati per qualsiasi motivo o devono aver inviato telematicamente le dimissioni per giusta causa per le ragioni elencate dalla Circolare Inps n. 163 del 20/10/2003. Dopo le dimissioni per giusta causa e prima dell’invio telematico della disoccupazione Naspi, il lavoratore deve inviare, al datore di lavoro, una vera e propria contestazione o diffida tramite pec o raccomandata. Tale documento bisogna allegarlo alla domanda di disoccupazione Naspi.

Naspi 2018 over 50: requisiti

Per richiedere la disoccupazione Naspi, bisogna possedere alcuni requisiti:

  • essere disoccupati ed aver perso involontariamente il lavoro per licenziamento, scadenza contratto a tempo determinato, dimissioni dinanzi alla Direzione Provinciale del lavoro entro un anno di vita del bambino, dimissioni per giusta causa, risoluzione consensuale del rapporto di lavoro;
  • avere maturato almeno 13 settimane di contribuzione, nei quattro anni precedenti l’inizio della disoccupazione;
  • aver svolto 30 giorni lavorativi, nei 12 mesi precedenti l’inizio della disoccupazione.

La domanda può essere presentata entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro tramite:

Per inviare la pratica Naspi tramite il tuo Pin dispositivo Inps, senza file e senza costi, ti consigliamo di visualizzare la nostra guida:

Naspi over 50: decorrenza della disoccupazione Naspi

La Naspi non decorre dal giorno successivo dalla data di risoluzione del rapporto di lavoro, ma dal momento in cui è stata inviata la domanda telematicamente. Infatti la disoccupazione Inps parte:

  • dall’ottavo giorno successivo, dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, se la domanda viene presentata entro l’ottavo giorno;
  • dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda, nel caso in cui la domanda Naspi sia stata presentata dopo l’ottavo giorno;
  • nel caso in cui vi siano periodi di malattia, maternità o infortunio, la Naspi 2018 decorre dall’ottavo giorno successivo al termine dell’evento, se la domanda viene presentata entro l’ottavo giorno;
  • dal giorno successivo alla presentazione della domanda Naspi se presentata successivamente all’ottavo giorno;
  • nel caso di dimissioni per giusta causa, la Naspi ha una decorrenza diversa. Ti consigliamo di verificare la data di decorrenza sulla lettera di accoglimento della disoccupazione Naspi.

Naspi over 50: documenti da allegare 

Per presentare la domanda di disoccupazione Naspi 2018, devi allegare una serie di documenti:

  • il modello Sr163, dove viene indicato il tuo conto corrente, bancario o postale, dove sarà accreditata la disoccupazione Naspi;
  • il documento d’identità;
  • le ultime tre buste paghe e la lettera di licenziamento;
  • il contratto di assunzione per i lavoratori a tempo determinato;
  • nel caso di colf e badanti, si dovranno allegare gli ultimi bollettini Mav dei contributi pagati.

Dopo la presentazione della domanda Naspi, devi recarti entro 15 giorni, al centro per l’impiego di competenza, per dichiararti disponibili al lavoro e per sottoscrivere il patto di servizio personalizzato. Questo ti servirà, sia per ricercare offerte di lavoro nel tuo settore e sia per riqualificarti, attraverso la ricerca di percorsi di formazione professionali.

Naspi over 50: durata, importi e cosa è cambiato

La durata della disoccupazione per gli over 50enni è cambiata. Prima della circolare Inps n. 94 del 12/05/2015, la durata della disoccupazione Aspi, era determinata in relazione all’età anagrafica. Ai disoccupati, con età pari o superiore a 50 anni, che avevo perso involontariamente il posto di lavoro, spettavano 12 mesi di disoccupazione. Mentre per i disoccupati over 55enni, spettava un’indennità Aspi di 16 mesi.

A decorrere dal 1° Maggio 2015, i disoccupati over 50enni, hanno diritto ad una disoccupazione Naspi, pari alla metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni.

La retribuzione di riferimento per il calcolo della disoccupazione NASpI è pari ad euro 1.208,15 e l’importo massimo mensile della Naspi, ad esempio per l’anno 2018 non può superare i 1314,30 euro lordi.

Per i disoccupati ultracinquantenni è difficile reinserirsi nel mondo del lavoro. Per questo il legislatore ha previsto delle agevolazioni contributive (anche per il 2018) ed un pagamento dei contributi del 50%, per i datori di lavoro, che assumo disoccupati over 50enni. Le disposizione tecniche di tale misura sono indicate nella Circolare Inps n.111 del 24/07/2013.

Inoltre i disoccupati ultracinquenni, possono richiedere l’assegno di ricollocazione Anpal.

Per controllare se rientri nel programma Anpal, assegno di ricollocazione, inserisci il tuo codice fiscale all’interno del link della pagina e segui le istruzioni della nostra guida.

Riferimento normativi: Circolare Inps n. 94 del 12/05/2015Circolare Inps n. 163 del 20/10/2003 Circolare Inps n.111 del 24/07/2013

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Valuta l'articolo
[Totali: 3 Media: 5]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento