Articolo aggiornato il 6 Marzo 2020 da Nicola Di Masi

Come rinnovare esenzione ticket dopo il 31 Marzo

Come non pagare il ticket del servizio sanitario nazionale? Come fare per rinnovare l’esenzione per reddito? Quale esenzione bisogna indicare: E01, E02, E03, E04? Chi può avere l’esenzione per motivi reddituali e per patologie. In questo articolo risponderemo a tutte queste domande.

Esenzione ticket: cos’è e come fare per averlo?

Il ticket sanitario, è il pagamento di una prestazione sanitaria prestata da un Ospedale pubblico o da una struttura privata convenzionata. Per non pagare, ogni anno, bisogna presentare al CUP della Asl di residenza, due moduli, per essere esonerati alle visite specialistiche ed all’assistenza farmaceutica.

Quindi, il 31 Marzo di ogni anno, scadono le esenzioni ticket degli utenti, ossia terminano temporaneamente, tutte le agevolazioni per non pagare le visite specialistiche o il ticket sanitario sui farmaci.

Mentre a partire dal 1° Aprile, il cittadino deve consultare il suo medico di famiglia per controllare se ha ancora diritto alle due esenzioni ticket previste.

Se il medico conferma la cessazione del diritto, bisogna presentare alla Asl di competenza due dichiarazioni:

  • l’esenzione per l’assistenza farmaceutica;
  • l’esenzione delle visite ed esami specialistici.

In alcune Regioni è prevista un ulteriore esenzione ticket in base al valore Isee aggiornato del nucleo familiare. Prima di recarsi al CUP della Asl, bisogna controllare l’esenzione di tutti i componenti familiari.

Esenzione ticket per patologia

Il Servizio sanitario italiano prevede l’esenzione ticket per diritto, quando il paziente si trova in una delle seguenti condizioni:

  • è affetto da malattie croniche e rare,
  • ha un’invalidità certificata al 100%, accertata dalla Commissione medica invalidi civili o una patologia grave;
  • si trova in diagnosi precoci a causa di malattie oncologiche;
  • è esonerato dal pagamento, nel caso di Test HIV.

Anche le donne sono esonerate dal pagamento del ticket, per alcune tipologie di visite specialistiche:

  • la mammografia, ogni due anni, a favore delle donne in età compresa tra 45 e 69 anni,
  • l’esame citologico cervico-vaginale (PAP Test), ogni tre anni, a favore delle donne in età compresa tra 25 e 65 anni,
  •  la colonscopia, ogni cinque anni, a favore della popolazione di età superiore a 45 anni.

Esami gratuiti in gravidanza

Le future mamme sono esenti, ai sensi del D.M. del 10/09/1998, al pagamento del ticket sanitario per gli esami preconcezionali e per tutto il periodo di gravidanza. Sono gratuite le visite specialistiche di:

  • ginecologia,
  • le analisi da effettuarsi prima del concepimento, per prevenire qualsiasi fattore negativo che possa incidere sulla gravidanza;
  • gli accertamenti diagnostici;
  • la diagnosi prenatale;
  • le analisi per le donne in gravidanza dopo i 35 anni di età;
  • gli esami specifici in caso di aborti ripetuti;
  • la translucenza nucale.

Il medico dovrà indicare sulla prescrizione della futura mamma, la lettera M ed il numero delle settimane di gravidanza.

Documenti per Rinnovo esenzione ticket per reddito

Dal 1° Aprile di ogni anno, bisogna rinnovare le esenzioni per motivi di reddito, per non pagare le visite, gli esami specialistici ed il ticket per l’assistenza farmaceutica.

Per rinnovare l’esenzione ticket, bisogna prima recarsi al medico di famiglia, per controllare l’eventuale rinnovo automatico delle esenzioni. Se è scaduta ed il nucleo non supera i redditi indicati sul modulo di domanda o il valore Isee solo per alcune Regioni, si può richiedere l’esenzione del ticket sanitario attraverso due modalità:

  • presentando due modelli di autocertificazione alla Asl di competenza (AUTOCERTIFICAZIONE PER RILASCIO DELL’ ATTESTATO DI ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET PER MOTIVI DI REDDITO VISITE ED ESAMI SPECIALISTICI e l’AUTOCERTIFICAZIONE PER RILASCIO DELL’ ATTESTATO DI ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET PER MOTIVI DI REDDITO ASSISTENZA FARMACEUTICA) diversi da Regione a Regione,
  • online, attraverso il lettore smart card e la tessera sanitaria (Smart SST della Regione Toscana)

Esenzione ticket per età e reddito

I codici di esenzioni ed i casi di esenzione sono maggiori in alcune Regioni. Ad esempio la Lombardia, ha previsto altri casi di esenzione, come l’esenzione E30, non previsti dalla legge nazionale. (TABELLA DEI CODICI DI ESENZIONE PER REDDITO LOMBARDIA)

Hanno diritto, ai sensi della normativa nazionale, all’esenzione per età e reddito:

  • i cittadini di età inferiore a 6 anni (barrare E01B) e superiore a 65 anni (E01A), appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro (devi barrare sul modulo di autocertificazione il codice E01)
  • i disoccupati (ossia per coloro che hanno perso il lavoro per licenziamento o dimissioni) e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro, in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (barrare codice E02);
  • Titolari di pensione sociale e familiare a carico (barrare codice E03);
  • Titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni ed appartenente al nucleo familiare fiscale del titolare della pensione al minimo, con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro, in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro, per ogni figlio a carico (barrare in questo caso codice E04);

Invece hanno diritto all’esenzione dal pagamento del ticket sulla ricetta medica dei farmaci:

  • gli assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito annuo complessivo fino a 18.000,00 euro, incrementato di 1.000,00 euro, per ogni figlio a carico (barrare codice E94);
  • utenti di età superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito annuo complessivo non superiore a 36.151,98 euro (codice E95);
  • pazienti appartenenti a nuclei familiari con reddito annuo fino a 23.000,00 euro, incrementato di 1.000,00 euro, per ogni figlio a carico (codice E96).

Come rinnovare esenzione ticket 

Per essere esonerato dal pagamento del ticket sanitario, prima di tutto bisogna controllare il reddito familiare fiscale dell’anno precedente (anno 2019 per le esenzioni presentate dal 1° Aprile 2020) e compilare i moduli, correttamente. Per reddito complessivo fiscale del nucleo familiare si intende, ai fini dell’esenzione, il reddito dell’ultima dichiarazione dei redditi, al lordo di tutti gli oneri deducibili e detraibili. (Riportati sul prospetto di liquidazione del modello 730 o ex Unico)

Il nucleo familiare ai fini fiscali, è composto:

  • dal dichiarante esente dal ticket sanitario,
  • dal coniuge non legalmente ed effettivamente separato (anche non a carico),
  • i figli e le altre persone a carico ai fini irpef (risultanti sulla dichiarazione dei redditi)

Quindi non si considerano i componenti residenti nel nucleo familiare, ma solo il nucleo familiare fiscale.

Per rinnovare l’esenzione ticket bisogna portare al CUP della Asl di residenza:

  • i moduli di autocertificazione compilati correttamente, datati e firmati,
  • le tessere sanitarie originali ed in copia (fronte e retro) di tutti i componenti familiari,
  • i documenti d’identità originali ed in copia dei richiedenti.

I pazienti con una patologia particolare, sono esonerati dal pagamento del ticket, sono per le visite, gli esami ed il ticket dei farmaci, di quella particolare malattia.

Consulenza online di insindacabili.it
Per dubbi sulla compilazione dei due moduli esenzione ticket, commenta questa articolo o accedi alla nostra area di consulenza online.

4 Commenti

  1. Madre separata con 2 figli a carico di cui uno disabile… unico di circa 7000 euro… zero proprietà zero altri redditi… A parte l’accompagnamento del bimbo…
    Ho diritto all’estensione del ticket?

  2. Salve, sono invalida 74%con malattia cronica. Anno scorso in basse a un contratto di lavoro ho avuto diritto al esenzioni ticchet. Non ero riconosciuta come invalida. appena questo anno mi hanno dato l’esito positivo. Quindi ché deve portare al cup per aver diritto al esenzioni ticchet? E se non né ho un contratto di lavoro. Perdo l’assistenza dal parte di medico di famiglia? Grazie. Se mi potete rispondere

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui