conguaglio pensioni novembre 2023
aumento pensioni novembre 2023

Articolo aggiornato il 20 Ottobre 2023 da Nicola Di Masi

Date di pagamento per le Pensioni Inps di Novembre 2023

Quando arriveranno gli assegni di Pensione Novembre 2023?
Come saranno gestiti i pagamenti in Banca e presso Poste Italiane, considerando che il primo Novembre è un giorno festivo?

Se vuoi conoscere tutti i dettagli relativi a questo nuovo assegno di Pensione, ti invitiamo a leggere i prossimi paragrafi, nei quali andremo ad indicare in maniera semplice e sintetica tutte le info principali relative al pagamento Inps.

Cosa sappiamo inoltre in merito ai possibili “aumenti” comunicati nella Nadef dal Ministro Giorgetti e dall’Esecutivo Meloni?
Approfondiamo tutti questi dettagli nel prosieguo dell’articolo.

Calendario Pagamento delle Pensioni a Novembre 2023

Dopo la definitiva uscita dallo Stato di Emergenza ad inizio 2022 e con i nuovi allentamenti messi in atto nei mesi successivi, è semplice intuire come il nuovo accredito delle Pensioni Inps, avverrà anche a Novembre 2023 senza alcun Anticipo.

Tutti i pensionati potranno dunque ritirare le pensioni a partire da Giovedì 2 Novembre 2023, in quanto il mese parte con un giorno festivo.

Presso gli sportelli di Poste, sarà consigliato (ma non vi è un obbligo) il ritiro scaglionato seguendo questo schema:

  • Giovedì 2 Novembre 2023 per i cognomi dalla lettera A alla C
  • Venerdì 3 Novembre 2023 per i cognomi dalla lettera D alla K
  • Sabato 4 Novembre 2023 (solo la mattina) – per i cognomi dalla lettera L alla P
  • Lunedì 6 Novembre 2023 – ritiro con cognomi dalla lettera Q alla Z

Poste Italiane ricorda sempre che i cittadini con età pari o superiore a 75 anni possono richiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro all’arma dei Carabinieri.

Il Cedolino della Pensione a Novembre 2023

Per consultare il cedolino della pensione di Novembre 2023 (quando questo sarà pubblicato) consigliamo la lettura di questo nostro breve articolo, nel quale spieghiamo passo-passo come fare per visualizzare il tutto in completa autonomia.

Se nel momento in cui stai leggendo questo articolo, non visualizzi ancora il Cedolino della Pensione di Novembre ’23, non devi preoccuparti, l’INPS aggiornerà in tempi brevi l’area riservata personale.

Controlla la Pensione Inps di Ottobre 2023
Controlla la Pensione Inps 2023

Se ne vuoi sapere di più sul Fascicolo previdenziale Inps, ti rimandiamo a questo nostro precedente articolo.

Consigliamo di controllare questo Cedolino in maniera approfondita, in quanto si potranno visualizzare gli aumenti previsti per gli assegni pensionistici nel 2023.

Ricordiamo infine che è possibile accedere in area riservata INPS tramite APP o sul portale web, con le seguenti credenziali di accesso:

  • SPID, Sistema pubblico di identità digitale
  • CIE, Carta di identità elettronica
  • CNS, Carta nazionale dei servizi

Pensioni: Aumenti a Novembre 2023?

Nel mese di Novembre ci potrebbe essere un aumento delle pensioni, con il pagamento degli arretrati (con partenza-calcolo dal mese di Gennaio e quindi per dieci mensilità). Il governo di Centro-Destra vorrebbe anticipare il conguaglio che in realtà sarebbe dovuto partire da Gennaio 2024.

Ogni anno infatti le pensioni vengono adeguate all’andamento dell’inflazione. Per il 2023 era stata stimata una rivalutazione del 7,3% ma poi l’ISTAT ha comunicato un tasso ufficiale pari all’8,1% con una differenza quindi dello 0,8%.

Gli importi con la rivalutazione ufficiale dovrebbero essere i seguenti:

  • per gli invalidi parziali (con percentuale di invalidità dal 74 al 99%), l’importo della pensione dovrà essere pari a 316,25 euro (invece di 313,91) con arretrati di 26 euro circa,
  • gli invali totali avranno un aumento della pensione con un importo pari 702,25 euro circa (nuovo importo di pensione di 316,25 più l’incremnto al milione),
  • per i ciechi assoluti l’importo della pensione rivalutata sarà pari a 342,01 euro (invece di 339,47 euro) con arretrati di 28 euro circa.
  • Infine per i percettori dell’assegno sociale il nuovo importo sarà pari a 507,02 (invece di 503,27) con arretrati di 41 euro circa.

Ci sarà l’ufficialità di questa misura? Se ne sta discutendo proprio in queste ore e vi lasciamo con un Articolo di Sky TG24 e che ne approfondisce altri aspetti.

Noi di insindacabili seguiremo tutti gli sviluppi e gli aggiornamenti.

La consulenza online del team di insindacabili.it
Se hai bisogno di una consulenza online su questa tematica, accedi alla nostra area dedicata di consulenza online.

Leggi gli ultimi articoli pubblicati sul nostro sito:

2 Commenti

  1. Come mai non riesco a togliere la rata mensile del sindacato CGIL nonostante ho mandato due lettere di revoca con la PEC e che loro non. Rispondono

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui