Articolo aggiornato il 2 Gennaio 2020 da Nicola Di Masi

Chi deve rinnovare il modello Isee nell’anno 2020?

A cosa serve il modello Isee? Come si calcola il valore della situazione economica Isee? Quali sono i documenti per rinnovare il modello Isee? Dal prossimo anno 2020, entrerà in vigore il nuovo modello Isee precompilato, senza necessità di rivolgersi al CAF.

Isee cos’è? Il modello Isee, in vigore dal 1998, è una dichiarazione fiscale della situazione economica di tutto il nucleo familiare residente, in relazione a tutti i redditi dei componenti familiari ed in base ai saldi ed alle giacenze medie dei conti correnti, dei valori dei fondi e delle polizze assicurative, utilizzata per l’accesso ai diverse prestazioni economiche o servizi.

Isee 2020 a cosa serve? Ultime novità dal 2020

La dichiarazione Isee è un modello fiscale costituito da due modelli:

  1. attestazione Isee, dove è indicato il valore della situazione economica ISEE, il patrimonio mobiliare ed immobiliare, la somma dei redditi del nucleo familiare, la detrazione per il canone annuale pagato per l’affitto. L’attestazione Isee è importante per verificare i requisiti del Reddito e pensione di cittadinanza;
  2. Dichiarazione DSU, dove sono riportati tutti i dati per elaborare il valore della situazione economica.

Per ogni prestazione economica, ad esempio per richiedere la carta acquisti per minori o per maggiori di 65 anni, è necessario presentare entrambi i modelli all’ufficio postale, firmati e timbrati dal Caf che ha rilasciato la dichiarazione. 

Ogni anno bisogna presentare il modello Isee per rinnovare tutte le prestazioni Inps, Inail e del Comune collegate a questo modello. Infatti per ricevere correttamente i pagamenti del Reddito di cittadinanza, Pensione di cittadinanza e del Reddito di inclusione REI dal Mese di Gennaio 2020, bisogna correttamente aggiornare il modello Isee 2020, entro la fine del mese di gennaio.

Bisogna fare il modello Isee tempestivamente ogni anno per ricevere i pagamenti del:

Isee 2020 documenti necessari: cosa serve per fare Isee 2020?

Dal 1° Gennaio 2020 entrerà in vigore la dichiarazione sostitutiva Unica Isee precompilata, disponibile sul servizio online dell’Inps: Isee post-riforma 2015, con alcuni dati già caricati dall’Inps e dall’Agenzia delle Entrate. Infatti il cittadino, tramite l’Isee online precompilato, potrà visualizzare il:

  1. Saldo e le giacenze medie dei depositi bancari o postali, in possesso dei componenti del nucleo familiare dell’anno 2018,
  2. i redditi della famiglia degli ultimi due anni, (anno 2018).

Dal 2020, a differenza degli altri anni, si prenderanno i redditi ed i saldi e le giacenze medie dei componenti familiari dell’anno 2018

Potranno compilare la dichiarazione Isee precompilata 2020, le famiglie che potranno indicare per ciascun componente familiare:

  1. l’importo del rigo differenza, evidenziato nel prospetto 730-3 della dichiarazione dei redditi 730 o del quadro RN del modello ex unico dei due anni precedenti (2018) o l’assenza di dichiarazioni,
  2. il valore del patrimonio mobiliare (conti correnti ed altri depositi) di ogni singolo componente familiare sotto la soglia di 10.000 euro o l’assenza di tali rapporti,
  3. se il valore del patrimonio mobiliare di ogni singolo componente supera 10.000 euro, bisogna indicare il valore del saldo contabile al 31 dicembre dell’anno precedente dei conti correnti bancari o postali o il valore di una delle altre forme di patrimonio mobiliare possedute dai familiari.

Elenco documenti Isee 2020

I documenti necessari per fare la dichiarazione Isee 2020 sono:

  1. dati anagrafici dei componenti familiari (Cognome, Nome, Codice fiscale e residenza, rapporto di parentela con il richiedente)
  2. l’eventuale disabilità media o grave dei componenti familiari, attestata dal verbale della commissione medica invalidi civili (con l’indicazione di questo dato il valore Isee va a diminuire),
  3. la casa di abitazione principale (Dati catastali, residenza e percentuale di possesso) ed i dati degli eventuali immobili all’estero o i dati della registrazione del contratto di affitto,
  4. i redditi irpef non certificati dal CU (ex Cud) o dalla dichiarazione dei redditi,
  5. i redditi soggetti a imposta sostitutiva o a ritenuta a titolo di acconto d’imposta,
  6. i proventi delle attività agricole,
  7. gli assegni dei genitori separati o conviventi con l’altro genitore non coniugati, per il mantenimento dei figli,
  8. i redditi dichiarati all’estero per gli iscritti all’Aire,
  9. le prestazioni assistenziali diverse da quelle erogate dall’Inps ed i ricoveri degli anziani,
  10. l’importo degli assegni periodi corrisposti al coniuge,
  11. targhe degli autoveicoli e motocicli da 500cc e navi ed imbarcazioni da diporto,
  12. partecipazioni in società.

Isee 2020 dove farlo? Scadenza Isee 2020

Per compilare l’Isee ordinario, corrente, precompilato, universitario e per minorenni, è possibile farlo:

Nei primi giorni di gennaio 2020, sarà accessibile il servizio online dell’Inps: Isee precompilato 2020. Per i caf sicuramente i tempi saranno più lunghi e sarà possibile presentare la dichiarazione, solo dopo il 15 gennaio 2020. Noi di insindacabili, consigliamo di inviare la dichiarazione Isee, entro il 31 Gennaio 2020, per ricevere tempestivamente tutte le prestazioni Inps.

Il modello Isee 2020 ha una validità: dal 1° gennaio 2020 e sino al 31 Dicembre 2020 (‘art. 7 del decreto legge 3 settembre 2019 n. 101). E’ importante rinnovare il modello Isee 2020, senza errori o omissioni, per aver diritto a diverse prestazione Inps e per ricevere le ricariche del Reddito di Cittadinanza e della pensione di cittadinanza.

Dopo l’isee ordinario 2020, è possibile compilare un Isee corrente 2020, per attestare la situazione reddituale corrente degli ultimi 2 o 12 mesi. 

Consulenza Online di insindacabili.it
Hai bisogno di una consulenza telefonica sull’Isee 2020? Visita subito la nostra area dedicata e scopri tutti i nostri servizi di consulenza online.

3 Commenti

  1. Ogni momento è buono affinché i cervelloni burocrati si inventino qualche modifica in modo di farci impazzire.C’é da chiedersi quando finalmente andremo a porta inferi per avere un po’di tranquillità.(FORSE)

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui