Articolo aggiornato il 14 Maggio 2023 da Stefano Mastrangelo

Calendario Pagamenti Bonus Renzi su Naspi 2023 – Date Pagamento Trattamento Integrativo

Il Trattamento Integrativo, il successore del vecchio “Bonus Renzi” può essere erogato anche per i percettori di Naspi! La “Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego” di fatti è contemplata dal Governo Italiano, fra i redditi che possono portare al beneficio di pagamento del Bonus Irpef da 100 euro.

Quali sono le date di pagamento del Bonus Renzi 2023 sulla Naspi?
Dal 1° Luglio del 2020 il bonus Renzi è stato rinnovato e trasformato nel Nuovo Trattamento Integrativo.

Calcolo Trattamento Integrativo 2023: reddito e requisiti

Quali redditi bisogna considerare per il calcolo del Trattamento Integrativo sulla Naspi e quanto spetta? Vediamolo insieme nel seguente semplice schema:

  • 100 euro mensili di Bonus Irpef (1200 euro annuali) per i lavoratori dipendenti, disoccupati in Naspi e pensionati con Ape social, con un reddito complessivo annuale tra gli 8150,00 euro e 15.000 euro, (sino a 28.000 euro solo in determinazioni situazioni).

Il Bonus Renzi 2023 di 100 euro sulla Naspi, viene riconosciuto in automatico, senza la necessità di inviare nessuna domanda all’Inps. Per chi non lo percepisce e ne ha diritto, può sempre recuperarlo sulla dichiarazione dei redditi dell’anno successivo.

Quando si è percettori di Naspi, infatti come detto, non bisogna presentare alcuna domanda all’Inps, in quanto l’Ente opera come sostituto di imposta e va a riconoscere i 100 euro in automatico (il Bonus Renzi può essere erogato qualche mese dopo rispetto al primo mese di pagamento della Naspi).

Il Pagamento del Trattamento Integrativo sulla Naspi, partirà se e solo se, si rispetteranno i redditi presunti sulla naspi 2023, indicati sopra.

Calendario pagamenti Trattamento Integrativo su Naspi 2023

Sfortunatamente l’ex-Bonus Renzi” sulla Disoccupazione Naspi non viene pagato lo stesso giorno, ma varia da mese a mese.

Vediamo adesso nella tabella qui in basso, le date di Pagamento del Trattamento Integrativo sulla Naspi 2023.
Consigliamo di consultare più volte questa pagina: il nostro Team aggiornerà in tempo reale il calendario con i pagamenti del Trattamento Integrativo 2023, ma non solo.

Mese 2023Data Pagamento Trattamento Integrativo su Naspi
Gennaionessun pagamento nel mese di Gennaio 2023
Febbraioa partire dal 14 Febbraio 2023
Marzoa partire dal 21 Marzo 2023
Aprilea partire dal 20 Aprile 2023
Maggioa partire dal 17 Maggio 2023 e nei giorni successivi
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre
La tabelle con le date di Pagamento del Trattamento Integrativo sulla Naspi nel 2023

Pagamento Bonus 100€ su Naspi 2023: come consultare il calendario?

Per prima cosa bisogna entrare sul sito dell’Inps ed accedere con le proprie credenziali sul Fascicolo Previdenziale del CittadinoQui c’è la nostra Guida

A questo punto, si può visualizzare il Trattamento Integrativo sulla naspi 2022, cliccando su Prestazione, in corrispondenza della dicitura Pagamenti Piattaforma fiscale.

Per stampare il dettaglio di tutti i pagamenti, basta cliccare nel menu a sinistra sulla voce Stampa e comparirà una schermata simile. Oppure si può visualizzare il pagamento mensile.

Esempio pagamento Trattamento integrativo su Naspi
Esempio pagamento Trattamento integrativo su Naspi

Adesso sarà possibile decidere se salvare o stampare il documento, prima di chiudere la consultazione Inps.

In alternativa a questa modalità di consultazione della Naspi, è possibile scaricare l’APP ufficiale dell’Inps, cliccare su tutti i servizi nella prima videata dell’applicazione ed in seguito il servizio online: Stato pagamenti e cedolini.

Stato Pagamenti Trattamento integrativo su App Inps
Stato Pagamenti Trattamento integrativo su App Inps

Trattamento Integrativo 2023: perché l’importo varia ogni mese?

Perché l’importo del Trattamento Integrativo per i disoccupati può variare da un mese all’altro? Per rispondere a questo quesito, ti rimandiamo a quanto espressamente indicato dall’Inps: ” Nel caso delle prestazioni a sostegno del reddito erogate dall’Istituto, sia in costanza di rapporto di lavoro sia a seguito di cessazione dello stesso, si precisa che le detrazioni spettano in relazione ai giorni indennizzati.

Ad esempio, per l’indennità di disoccupazione, si prendono a riferimento i giorni per i quali spetta la prestazione. L’Istituto, in qualità di sostituto di imposta, è tenuto a riconoscere in via automatica il credito determinando la spettanza e il relativo importo sulla base dei dati a disposizione riguardanti i redditi percepiti dal lavoratore, quali i dati relativi alle prestazioni erogate e i dati desunti dal casellario delle pensioni.

Questo spiega perché ogni disoccupato percepisce una cifra differente da ogni altro percettore di Naspi.

Ringraziamo per la cortese attenzione ed invitiamo a visitare altre notizie e servizi del nostro Portale-Web.
I vostri diritti sono insindacabili!

IMPORTANTE: se sul sito INPS o sulla APP il pagamento risulta come “già riscosso” ma non lo hai ancora ricevuto in Banca o sulla Carta, non ti preoccupare, potrebbe trattarsi di un ritardo del pagamento dovuto ad INPS o al tuo Circuito Bancario – Riceverai la somma dovuta al più presto.

Conguaglio e restituzione Trattamento integrativo

Nei mesi di Dicembre/Gennaio, l’Inps effettua le operazioni di conguaglio, per ricalcolare l’importo esatto della prestazioni integrative erogate.

In sede di dichiarazione dei redditi, l’anno seguente si potrebbe finire nell’eventualità di restituire questi bonus, se i redditi sono inferiori a 8150 euro o superiori a determinati limiti previsti dalla legge. (salvo salvaguardie dell’Agenzia delle Entrate)
Per questo è possibile anche rinunciare temporaneamente, agli inizio dell’anno: al trattamento integrativo o alla detrazione e recuperale nelle futura dichiarazione fiscale 730 e/o Unico.

Cosa di può chiedere dopo la Naspi?

Riferimento Normativo: Circolare numero 96 del 21/08/2020

Leggi gli ultimi articoli pubblicati sul nostro sito:

4 Commenti

  1. Salve ho un caso particolare, sono incapiente perché la mia imposta lorda supera le detrazione ma perché ho percepito la Discoll. Vale o no la regola dell’incapienza? E un’altra cosa, il limite minimo di 8150 euro di redddito è ancora valido? grazie

  2. vorrei sottoporre un caso particolare: coppia non sposata, separazione condivisa al 50% per l’affido del figlio, senza alcun assegno di mantenimento, il padre lavoratore dipendente ha con se la residenza del figlio, la madre in NASPI ha il domicilio del figlio, il padre percepisce al 100% gli assegni familiari e il trattamento integrativo. si chiede se la madre ha diritto al 50% oppure no perchè ha solo il domicilio???? grazie!!

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui